Monti da Napolitano all’improvviso: si parla del “crac” siciliano

Pubblicato il 18 luglio 2012 12:00 | Ultimo aggiornamento: 18 luglio 2012 13:21
giorgio napolitano con Mario monti

Monti e Napolitano (foto Lapresse)

ROMA – Mario Monti va da Napolitano per parlare dell’emergenza Sicilia: il presidente della Repubblica e il presidente del Consiglio si sono incontrati al Quirinale. Argomento dell’incontro dovrebbe essere il rischio default della Regione governata da Raffaele Lombardo. Nell’incontro si è parlato anche di eventuali modifiche ai decreti all’esame del Parlamento.

Napolitano ha annunciato l’improvviso incontro con una frase “burocratica” ma sibillina: ”Il mio intervento sarà breve per un improvviso incontro urgente con il presidente del Consiglio Mario Monti come imprevedibili sono l’accavallarsi delle scadenze politico-istituzionali interne ed internazionali”.

Napolitano era intervenuto al convegno ”L’insegnamento del Diritto Pubblico e Costituzionale nella facolta’ di Scienze politiche” svoltosi presso la biblioteca del Quirinale.

Nelle ultime ore più volte Monti si è dimostrato preoccupato del possibile “crac” siciliano, tanto da invocare a più riprese le dimissioni del governatore Lombardo.

Al convegno sono intervenuti anche il Rettore dell’Università La Sapienza, Luigi Frati, il Preside della Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione dell’Università La Sapienza, Giuseppe Venanzoni, il Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università La Sapienza, Paolo Simoncelli e il Presidente emerito della Corte Costituzionale, Alberto Capotosti.