“Montiamoci la testa”: appello Pd-Pdl per i nuovi dirigenti

Pubblicato il 22 Gennaio 2012 17:03 | Ultimo aggiornamento: 22 Gennaio 2012 17:07

BERTINORO (FORLI'-CESENA) – Una dichiarazione con cui prendono ''l'impegno di sostenere, dentro e fuori la politica, lo straordinario sforzo del Governo Monti e di tutti gli italiani. E allo stesso tempo di promuovere stabilmente il confronto e il dialogo tra le forze politiche abbandonando la retorica amico/nemico anche per arrivare ad alcune importanti riforme istituzionali entro la fine della legislatura (compresa la legge elettorale)''. E' quella con cui si sono conclusi i lavori della terza edizione di 'Montiamoci la testa', evento bipartisan che si e' svolto al Centro universitario a Bertinoro, promosso da Sandro Gozi (Pd) e Nicola Formichella (Pdl) con le associazioni Rena e Vision, che ha messo insieme per un paio di giorni un centinaio di giovani professionisti e deputati di diversi schieramenti ''per trovare nuove idee e creare una nuova classe dirigente''.

Nella 'dichiarazione di Bertinoro' – promossa anche da Benedetto Della Vedova e Barbara Contini (Fli) – si legge che ''per cambiare il Paese e restituire fiducia, merito e competitivita' al sistema, dobbiamo superare gli schemi e le divisioni tradizionali''. Una sfida che ''non potra' essere vinta se nella prossima legislatura ci ritrovassimo esattamente con la stessa classe politica dirigente di 20 anni fa''.

All'iniziativa 'Montiamoci la testa' hanno partecipato diversi politici di vari schieramenti. Come nelle precedenti edizioni – a Bertinoro nel novembre 2010 e Caserta nell'aprile 2011 – il confronto, sottolineano i promotori, si e' svolto ''in maniera aperta e senza etichette di partito''. Sviluppo economico territoriale, riforma del fisco per i giovani e costi della politica i temi dibattuti.