Monza, senatore M5s Gianmarco Corbetta sposta domicilio per evitare sfratto a imprenditore

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 aprile 2018 13:37 | Ultimo aggiornamento: 13 aprile 2018 13:37
Gianmarco Corbetta, senatore M5s, salva la casa dell'imprenditore dallo sfratto a Monza

Monza, senatore M5s Gianmarco Corbetta sposta domicilio per evitare sfratto a imprenditore

MONZA – Ha spostato il domicilio nella casa dell’imprenditore Sergio Bramini a Monza: il gesto altruista di Gianmarco Corbetta, senatore del Movimento 5 stelle.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Ad annunciarlo lo stesso Corbetta, che in una nota ha spiegato di aver eletto il proprio domicilio parlamentare presso la casa di Bramini, fallito per credito con lo Stato, per evitare che lunedì 16 aprile la sua abitazione fosse pignorata:

“Lunedì 16 aprile sarò presente al sit-in organizzato da Bramini presso la sua abitazione, riceverò insieme a lui le autorità che si presenteranno per effettuare lo sgombero e comunicherò loro che, nel rispetto dell’inviolabilità del mio domicilio di parlamentare, lo sgombero non potrà essere eseguito.

Fallire per colpa dello Stato. E’ questa la sorte toccata a molte aziende italiane a causa di uno Stato che non paga i suoi fornitori il problema è che lo Stato, nel tentativo di contenere l’ammontare ‘ufficiale’ del debito pubblico, non ha nessun interesse ad accollarsi i debiti contratti dalle pubbliche amministrazioni”.

Corbetta conclude affermando che

“alla fine chi ci rimette è l’imprenditore. Bramini, dopo aver tentato in tutti i modi di salvare l’azienda e i posti di lavoro dei suoi dipendenti ipotecando perfino la propria abitazione, sta per finire in mezzo a una strada”.

Eleggendovi il proprio domicilio parlamentare, infine, Corbetta ha deciso di

“intervenire per evitare lo sgombero dell’abitazione istituendovi il suo ufficio e domicilio di parlamentare, a cui la Costituzione riconosce un diritto di inviolabilità”.