Movimento dei Forconi, monta l’ansia da sciopero: “Quasi quasi vado a fare benzina…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 Dicembre 2013 17:57 | Ultimo aggiornamento: 10 Dicembre 2013 10:56
Movimento dei Forconi, monta l'ansia da sciopero: "Quasi quasi vado a fare benzina..."

La mappa dei presidi e dei blocchi stradali del Movimento dei Forconi (clicca sull’immagine per ingrandire)

ROMA – Le file alla pompa di benzina, le code alle casse dei supermercati, gli orari dei treni e gli aggiornamenti di Anas autostrade (o 103.3 Isoradio) controllati con crescente ansia: alla fine di lunedì 9 dicembre, il giorno uno della “Rivoluzione”, si può dire che lo sciopero del Movimento dei Forconi non ha paralizzato l’Italia ma senza dubbio un po’ l’ha spaventata.

Leggi anche –> Sciopero Movimento dei Forconi: scontri a Torino, Genova paralizzata
—> La mappa dei blocchi stradali

Insomma se fino a stamattina ci si chiedeva se i Forconi avrebbero messo in pratica quel che minacciavano, oggi si è avuta la conferma: non hanno bloccato l’Italia ma fanno sul serio. Si sono scontrati con la polizia e hanno bloccato stazioni a Torino, hanno paralizzato Genova e hanno attuato i loro blocchi e presidi in tutta Italia. Inoltre i Forconi hanno annunciato che andranno ad oltranza.

L’anno scorso, quando il fenomeno riguardò una sola regione, la Sicilia, fu proprio il loro “andare a oltranza” che mostrò al resto del Paese cosa erano in grado di fare: finirono per paralizzare tutta l’Isola e gli effetti si sentirono nei supermercati di tutta la Penisola.

Quindi? “Quindi quasi quasi vado a fare benzina“, risponderebbe il signor Rossi, esempio di quella larga fetta di italiani che domenica hanno sottovalutato le conseguenze dello sciopero e dopo 24 ore corrono a riempire il serbatoio e il frigo.

Il passo successivo è l’orario dei treni, della metro e degli autobus: chi si deve spostare all’interno delle grandi città e chi deve spostarsi da città a città guarda preoccupato al perdurare dei blocchi nelle stazioni.

L’ultimo fronte dell’angoscia sono le autostrade: saranno percorribili “finché sciopero non ci separi”. Per ora non si segnalano blocchi ai caselli e file di tir. Per ora.