Mussolini resta cittadino onorario di Salò. No alla revoca dell’onorificenza del 1924

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 Febbraio 2020 11:30 | Ultimo aggiornamento: 14 Febbraio 2020 11:32
Mussolini resta cittadino onorario di Salò. No alla revoca dell'onorificenza del 1924

Benito Mussolini (Ansa)

ROMA – Benito Mussolini continuerà ad essere un cittadino onorario di Salò. L’onorificenza attribuita nel 1924 resta in vigore, come è stato negli ultimi 96 anni.

Così ha deciso, a maggioranza, il Consiglio comunale riunitosi ieri sera in un municipio blindato dalle forze dell’ordine. Lo scrive oggi Il giornale di Brescia. La mozione per la revoca della cittadinanza era stata presentata dai consiglieri del gruppo Salò futura, gli unici tre che hanno votato a favore di una posizione cassata dalla maggioranza come “strumentale e anacronistica”.

I dodici consiglieri della maggioranza del sindaco Giampiero Cipani hanno infatti votato in modo compatto e la mozione è stata respinta con 14 voti contrari e 3 favorevoli.

Sul suo profilo Facebook la lista di maggioranza Progetto Salò ha motivato la decisione di non revocare la cittadinanza a Mussolini con con queste parole:  “L’unico modo, secondo noi, per debellare l’ideologia sbagliata del fascismo e dimostrare con i fatti che la nostra idea di Stato, liberale e democratico, è quella giusta. Per farlo bisogna lavorare seriamente, ascoltare pazientemente anche chi non la pensa come noi e convincerlo con le opere e l’esempio della bontà delle nostre idee. Mortificare l’avversario vinto, infierire su di lui, non lo elimina, ma lo rigenera”. (fonti Ansa, facebook)