Napolitano richiama Berlusconi: “Basta decreti omnibus”

Pubblicato il 17 Aprile 2009 16:55 | Ultimo aggiornamento: 17 Aprile 2009 16:56

Gli eccessi legati al ricorso ai decreti legge da parte del governo crea ancora una volta tensione tra le cariche dello Stato. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha scritto una lettera al premier Silvio Berlusconi: «Basta decreti Omnibus» è il richiamo del Quirinale.

La missiva, datata 9 aprile, e inviata anche ai presidenti di Camera e Senato Fini e Schifani e al ministro dell’Economia Tremonti, si riferisce al “decreto incentivi”, testo che in origine era composto da 7 articoli che sono lievitati a 17 in Parlamento. Risultato: spese in più – rispetto all’originale – per 1,3 miliardi di euro. E soprattutto questo ha comportato per Napolitano una crescente difficoltà nell’esercitare i suoi poteri di garanzia e di verifica previsti dalla Costituzione, essendo così sostanziali e dilatate le modifiche al decreto.

Anzi, ai decreti. Perché il presidente della Repubblica ha ricordato che non si tratta del primo caso del genere e rammenta di essere intervenuto in passato sulla delicata questione della emendabilità dei dl.