Napolitano: “Sacrifici necessari per uscire dalla crisi”

Pubblicato il 1 Giugno 2010 12:20 | Ultimo aggiornamento: 1 Giugno 2010 12:33

Solidarietà e unità, nella società e nella politica, per uscire dalla crisi. Lo chiede, in un appello «alla responsabilità» lanciato in occasione della festa del 2 Giugno, il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

«Un augurio affettuoso a quanti vivono e operano nel nostro paese per la festa che celebriamo insieme: festa dell’Italia che si unì e si fece Stato 150 anni orsono, festa della Repubblica che il popolo scelse liberamente il 2 giugno 1946» dice il Capo dello Stato. «In questo momento – prosegue – sentirsi nazione unita e solidale, sentirsi italiani, significa riconoscere come problemi di tutti noi quelli che preoccupano le famiglie in difficoltà, quelli che nei giovani suscitano, per effetto della precarietà e incertezza in cui si dibattono, pesanti interrogativi per il futuro».

«Parlo dei problemi del lavoro e della vita quotidiana, dell’economia e della giustizia sociale» aggiunge Napolitano.

«Stiamo attraversando, nel mondo e in particolar modo in Europa, una crisi difficile: occorre dunque un grande sforzo, fatto anche di sacrifici, per aprire all’Italia una prospettiva di sviluppo più sicuro e più forte. Per crescere di più e meglio, assicurando maggiore benessere a quanti sono rimasti più indietro, l’Italia deve crescere tutta, al Nord e al Sud. Si deve, guardando ai giovani, promuovere una migliore educazione e formazione, fare avanzare la ricerca scientifica e tecnologica, elevare la produttività del nostro sistema economico : solo così si potrà creare nuova e buona occupazione», ha concluso il capo dello Stato.