Nuovo Dpcm, slitta a venerdì 6 novembre l’entrata in vigore

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 Novembre 2020 19:41 | Ultimo aggiornamento: 4 Novembre 2020 19:41
Natale coronavirus, Conte: "Non penso a cenoni e balli". Già sa di feste soli in casa?

Natale coronavirus, Conte: “Non penso a cenoni e balli”. Già sa di feste soli in casa?

Scatteranno da venerdì le nuove misure, come si apprende da fonti del ministero della Salute. E la conferma arriva anche da Palazzo Chigi.

Posticipata di un giorno l’entrata in vigore del nuovo Dpcm firmato la notte scorsa da Conte, compreso quindi anche il coprifuoco nazionale.

“Tutte le nuove misure previste dall’ultimo Dpcm saranno in vigore a partire da venerdì 6 novembre”. E’ quanto spiega Palazzo Chigi sottolineando che “lo ha deciso il governo per consentire a tutti di disporre del tempo utile per organizzare le proprie attività”.

Le misure nel nuovo Dpcm in vigore da venerdì

Il nuovo Dpcm sulle misure restrittive per contenere il contagio da coronavirus, già pubblicato in Gazzetta Ufficiale, avrà validità da venerdì 6 novembre fino al 3 dicembre.

L’impianto del provvedimento prevede misure uguali per tutto il territorio nazionale come la limitazione agli spostamenti serali che scatta dalle 22 alle 5 del mattino.

La didattica sarà a distanza per le scuole superiori, e norme regionali che saranno calibrate a seconda dell’indice dei contagi e della tenuta del sistema sanitario.

Nessuna zona verde, perché tutta l’Italia  deve fronteggiare l’emergenza Covid, anche nelle aree meno colpite dal virus.

L’Italia, nell’ultimo Dpcm, è divisa in tre aree, gialle, arancioni e rosse. Nel testo del provvedimento non si fa alcun accenno ai colori. Ma fonti di governo spiegano che non si può parlare di zone verdi “perché l’emergenza c’è e nessun area è esclusa”.

E c’è attesa per l’ordinanza del Ministero della Salute che individua le tre fasce di Regioni a seconda del rischio sanitario e della capacità di risposta del sistema.

Alle perplessità manifestate fino all’ultimo dalle Regioni il governo ha risposto con una lettera firmata dai ministri Boccia e Speranza che assicurano il coinvolgimento, attraverso la cabina di regia, di ciascuna regione nella definizione delle misure più stringenti. (fonte ANSA)