Open Arms, Salvini: “Mi hanno già scritto 200 avvocati per difendermi”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 31 Luglio 2020 15:59 | Ultimo aggiornamento: 31 Luglio 2020 15:59
Open Arms, Salvini: "Mi hanno già scritto 200 avvocati per difendermi"

Open Arms, Salvini: “Mi hanno già scritto 200 avvocati per difendermi” (Foto Ansa)

“Mi hanno già scritto 200 avvocati per mettersi a disposizione della mia difesa”. Parola di Matteo Salvini che sul caso Open Arms continua a parlare di “processo politico”.

Direttamente dal Papeete, il giorno dopo la batosta ricevuta in Senato sull’autorizzazione a procedere nei sui confronti, Salvini spiega che “quello relativo alla vicenda Open Arms, è un processo Made in Palamara”.

Quindi il leader leghista prosegue: “Ma i giudici alla Palamara sono la minoranza. Spero di non trovare un Palamara, un cugino di Palamara, un amante di Palamara il 3 ottobre a Catania, dopo le regionali”.

Salvini poi è andato alla presentazione della Festa della Lega Romagna a Milano Marittima, dicendo che “sono orgoglioso di quello che ho fatto”. Poi, ha argomentato, ci sarà un procedimento “a Palermo”, così “copriamo la parte orientale e occidentale, se mi invitano anche a Ragusa e Agrigento copro tutto quella splendida isola”.

Ad ogni modo, ha aggiunto ancora, “vado li con curiosità, con la tranquillità di non avere commesso nulla di male”. Per la difesa “si sono offerti 200 avvocati da tutta Italia. Sto pensando di fare dei pullman: è una vicenda talmente surreale che vado a processo estremamente curioso”.

Quanto al “suo popolo” Salvini spiega che “sotto l’ombrellone un po’ ridono e un po’ s’incazz… Ma come, mi dicono: noi ti abbiamo eletto proprio per fare quello e loro ti mandano a processo per averlo fatto?”. Insomma, Salvini ostenta sicurezza: “Se c’è un reato, è quello del governo. Dopo aver dichiarato un’emergenza senza l’emergenza, il non fare nulla per evitare gli sbarchi è un reato: si chiama favoreggiamento dell’immigrazione clandestina”. (Fonte Ansa).