Operazioni anticamorra: 14 arresti e sequestri per 4 milioni

Pubblicato il 8 Febbraio 2010 9:58 | Ultimo aggiornamento: 8 Febbraio 2010 9:58

Quattordici ordinanze di custodia cautelare sono state eseguite all’alba di oggi tra i comuni salernitani di Scafati e San Valentino Torio e dell’hinterland vesuviano, tra Pompei e Terzigno, dai carabinieri della compagnia di Nocera Inferiore. Le persone tratte in arresto debbono rispondere del reato di associazione per delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Nel corso dell’operazione sono state effettuate anche venti perquisizioni domiciliari. Contemporaneamente beni per un valore complessivo di quattro milioni di euro sono stati sequestrati dai carabinieri di Torre Annunziata, in provincia di Napoli, a due esponenti di altrettanti clan camorristici. Si tratta di abitazioni, terreni, automobili, conti correnti, titoli bancari e polizze assicurative.

La riconducibilità dei beni ai due personaggi legati al crimine organizzato, Umberto Scognamiglio, di 61 anni, ritenuto affiliato al clan Cesarano, attivo a Pompei e Pasquale Borrelli, di 54 anni, ritenuto affiliato al clan Gallo-Limelli-Vangone, operante a Boscoreale, Boscotrecase e Trecase (Napoli), è stata accertata dai carabinieri con una complessa e prolungata attività investigativa, coordinata della Procura di Torre Annunziata d’intesa con la Direzione distrettuale antimafia di Napoli.