Ornella Vanoni: “Berlusconi è un ladro”. Show pagato da Alemanno

Pubblicato il 15 Settembre 2011 9:59 | Ultimo aggiornamento: 15 Settembre 2011 19:02

Ornella Vanoni (foto Lapresse)

ROMA  –  Il concerto di Ornella Vanoni in occasione di Ostia Classic, la kermesse organizzata e sovvenzionata dall’assessore alle politiche produttive Davide Bordoni, della giunta Alemanno, si è trasformato in un comizio politico. “L’Italia fa schifo. Io me ne vado da questo Paese. Berlusconi è un ladro. Lui ha triplicato il suo capitale e a noi ci ha tolto tutto. Non esiste più il ceto medio”, le parole della Vanoni dette dopo la prima canzone eseguita.

Un comizio contro Berlusconi che gli organizzatori non hanno apprezzato, tanto che Amerigo Olive, assessore ai Lavori pubblici e Mobilità del XIII Municipio di Roma, l’ha denunciata per comizio non autorizzato, ed ha dichiarato: “E’ allucinante quello che è successo. Vent’anni fa gli avrei menato. Perché il Comune ha organizzato concerti gratuiti per la gente senza pregiudizi politici. Sono stati pagati artisti notoriamente di sinistra come Luca Barbarossa e Fiorella Mannoia. Ma per suonare non per fare propaganda politica”. Se poi si pensa che: la Vanoni nelle ultime elezioni a Milano ha sostenuto la candidata di centrodestra Letizia Moratti, candidandosi e raccogliendo 36 voti; che stava per scrivere una canzone con Berlusconi, allora il suo comizio anti-premier è inspiegabile per Olive, per Bordoni e non solamente per loro.