Orzinuovi (Brescia): Lega organizza campagna “segnala il profugo”

di Elisa D'Alto
Pubblicato il 28 luglio 2015 16:45 | Ultimo aggiornamento: 28 luglio 2015 16:45
Orzinuovi (Brescia): Lega organizza campagna "segnala il profugo"

Orzinuovi (Brescia): Lega organizza campagna “segnala il profugo”

BRESCIA – La Lega Nord ha organizzato una campagna contro i profughi ad Orzinuovi, Brescia. In sostanza a un indirizzo email i cittadini potranno segnalare la presenza di profughi sul territorio. Una presa di posizione contro la giunta del paese, a guida Pd. “Eviteremo l’invasione che invece vorrebbe l’amministrazione comunale che ha dato disponibilità ad accogliere i profughi” ha spiegato la segreteria locale della Lega Nord, che venerdì nel corso del mercato del paese sarà presente tra le bancarelle con un gazebo per la raccolta di segnalazioni.

Resta dubbio il criterio: la presenza di profughi sul territorio non è illegale, visto che è lo Stato a cercare di organizzare l’accoglienza prima e gli eventuali permessi di soggiorno poi. Le cooperative o gli enti che la Lega vuole cercare non fanno insomma un lavoro “clandestino”.

La segretaria leghista, Federica Epis, spiega: “L’appello che facciamo è di segnalarci alla mail orzinuovi@leganord.org la presenza di questi presunti profughi sul territorio. La Lega Nord farà il possibile e l’impossibile per impedire l’invasione. L’amministrazione comunale di Orzinuovi, targata PD-Renzi, dichiara di voler ospitare i presunti profughi o richiedenti asilo, ma in questo modo sta abbandonando la nostra gente proprio nel momento di maggior bisogno”.

I gazebo saranno montati in piazza venerdì 31 luglio, durante il mercato. “La cosiddetta “accoglienza” è in realtà un business finanziato a spese di chi paga le tasse perché i nostri soldi – spiega Epis – vengono usati per pagare vitto, alloggio, sigarette e mancetta giornaliera a chi arriva qui illegalmente coi barconi. Chi ci guadagna sono enti pubblici o privati, ma anche singoli cittadini, che intascano più di mille euro al mese per ogni clandestino ‘accolto’. Questo è il motivo per cui lanciamo la Campagna di segnalazione. Orzinuovi è una comunità unita e coesa, soprattutto su questi temi non ci sono distinzioni di partito che tengano. Ognuno di noi è responsabile per il futuro del nostro paese, ognuno può e deve vigilare affinché non venga meno il vincolo di lealtà e di fiducia che ci lega gli uni agli altri. Non è accettabile – continua Epis – che qualcuno cerchi di ospitare i clandestini solo per fare palanche scaricando i costi economici e sociali su tutti gli altri”.