Papa Francesco: “Il lavoro nero è vergognoso”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 Novembre 2015 13:41 | Ultimo aggiornamento: 7 Novembre 2015 13:41
Papa Francesco (foto Ansa)

Papa Francesco (foto Ansa)

ROMA, 7 NOV – Per Papa Francesco “è vergognoso” che ai lavoratori sia chiesto di rinunciare ai loro diritti, e che lavorino senza “contributi e riposi”. “Non manchi il diritto alla pensione. No a estremismi aberranti”. Lo ha detto Papa Francesco in piazza San Pietro durante l'”udienza” con l’Inps, la “prima nella secolare storia dell’ente pensionistico”, alla presenza del presidente Tito Boeri, dei dirigenti e di 23 mila dipendenti. L’uomo ha “diritto” al riposo, ha detto il Papa.

“In maniera del tutto particolare – ha sottolineato il Pontefice – è affidata alla vostra premura quella che vorrei definire la custodia del diritto al riposo. Mi riferisco non soltanto a quel riposo che è sostenuto e legittimato da un’ampia serie di prestazioni sociali, ma anche e soprattutto a una dimensione dell’essere umano che non manca di radici spirituali e di cui anche voi, per la vostra parte, siete responsabili”.

Per Papa Francesco “è vergognoso” che ai lavoratori sia chiesto di rinunciare ai loro diritti, e che lavorino senza “contributi e riposi”.
Papa Francesco ricorda che “il riposo, nel linguaggio della fede, è dimensione umana e divina allo stesso tempo. Con una prerogativa unica, però: quella di non essere una semplice astensione dalla fatica e dall’impegno ordinario, ma un’occasione per vivere pienamente la propria creaturalità, elevata alla dignità filiale da Dio stesso”.