Parlamento/ Berlusconi: “Mai definito inutile e dannoso”

Pubblicato il 22 maggio 2009 23:10 | Ultimo aggiornamento: 23 maggio 2009 1:10

“La Finocchiaro e D’Alema si sono comportati in modo indegno, ignobile e spudorato attribuendomi parole che non ho mai pronunciato e cioè che il Parlamento sarebbe inutile e dannoso”. Lo comunica, con una nota da Palazzo Chigi, il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

“Questo e’ lo stenografico del passaggio del mio intervento ‘a braccio’ alla Confindustria per l’accenno fatto al Parlamento – dice ancora il premier – Il Presidente del Consiglio non ha praticamente nessun potere perchè, come sapete, la Costituzione è stata scritta dopo il ventennio fascista. Non è stato dato nessun potere al Governo e tutti i poteri sono stati dati al Parlamento. Il Parlamento è pletorico: ci sono infatti 630 deputati, quando ne basterebbero 100. È chiaro che per arrivare a questo dovremmo arrivare ad un disegno di legge di iniziativa popolare perchè non si puo’ chiedere ai capponi o ai tacchini di anticipare il Natale! Credo che questo sia e debba essere chiaro a tutti. Evidentemente – sottolinea Berlusconi – l’antico vizio stalinista di capovolgere la realtà non è mai venuto meno”.