Nuova Zelanda: Parlamento sgomberato per un pacco di mosche

Pubblicato il 17 Maggio 2010 10:41 | Ultimo aggiornamento: 17 Maggio 2010 10:54

Mosche

Una parte del parlamento della Nuova Zelanda a Wellington è stata  fatta sgomberare in seguito alla  scoperta di un pacco sospetto. Dopo l’intervento degli artificieri, però, nel pacco sono state trovate solo mosche.

All’origine del falso allarme,  che ha causato l’evacuazione di un’intera ala del Parlamento attorno alle 8 di lunedì 17 maggio (le 22 di domenica in Italia)  il ritrovamento di un pacchetto sospetto nell’ufficio del ministro dell’agricoltura David Carter al quinto piano dell’edificio.  Immediato il piano di emergenza che ha portato anche alla chiusura delle strade adiacenti.

L’ispettore di polizia Marty Parker ha detto ai giornalisti che la scatola era stata consegnata con una nota che suggeriva contenesse una bomba. Cessato l’allarme, l’edifico di 10 piani é stato riaperto verso le 10,30. Parker ha aggiunto che sono state avviate indagini e sul pacchetto saranno eseguite analisi forensi. Radio New Zealand ha confermato che il pacchetto conteneva mosche vive. Intanto erano state prese tutte le necessarie precauzioni di sicurezza e il consiglio dei ministri in programma nella mattinata di lunedì é stato trasferito nella residenza del premier John Key. “Non é stato il normale inizio di un lunedì mattina, sfortunatamente”, ha commentato Key.