Manovra, flat tax partite Iva al 15%: arriva norma anti “furbetti”. E taglio pensioni d’oro ci sarà

di redazione Blitz
Pubblicato il 2 dicembre 2018 20:36 | Ultimo aggiornamento: 2 dicembre 2018 20:41
Partite Iva flat tax

Partite Iva, Flat tax al 15%: arriva la norma anti furbetti (foto Ansa)

ROMA – Arriva una norma per contrastare chi fa il furbo per accedere alla nuova flat tax al 15% riconosciuta alle partite Iva con ricavi o compensi fino a 65mila euro. Lo prevede un emendamento alla manovra depositato dai relatori in commissione Bilancio della Camera. 

La proposta punta a evitare gli abusi stabilendo che tra i soggetti esclusi dall’imposta sostitutiva rientrano anche “le persone fisiche nei casi in cui l’attività sia esercitata prevalentemente” nei confronti di datori di lavoro con i quali il soggetto ancora lavora o ha lavorato nei due anni d’imposta precedenti.

Lo stop alla flat tax è previsto anche se i rapporti di lavoro erano o sono intrattenuti nei confronti di soggetti “direttamente o indirettamente riconducibili” al vecchio datore di lavoro.

Palazzo Chigi assicura: “Il taglio alle pensioni d’oro ci sarà”. 

L’emendamento in manovra per il taglio delle pensioni d’oro “ci sarà”. Ad assicurarlo sono fonti di  Palazzo Chigi, dopo che la proposta di modifica non era stata inserita nel pacchetto di emendamenti di governo e relatori presentati in commissione alla Camera.

Interpellate al riguardo, le stesse fonti precisano che si sta valutando se inserire la norma già nel passaggio alla Camera della manovra. In caso contrario, la misura arriverà “sicuramente” nel passaggio al Senato.