Patrimoniale e spread, Conte nega, Gasparri: “Governo peggio delle piaghe d’Egitto”

di Maria Tafuri
Pubblicato il 25 Febbraio 2019 6:41 | Ultimo aggiornamento: 24 Febbraio 2019 21:18
Patrimoniale e spread, Conte nega, Gasparri: "Governo peggio delle piaghe d’Egitto"

Patrimoniale e spread, Conte nega, Gasparri: “Governo peggio delle piaghe d’Egitto”

Giuseppe Conte ha bisogno di un lungo periodo di riposo”, sostiene Maurizio Gasparri, senatore di Forza Italia. Intervistato da Massimo Franco per il Corriere della Sera Conte ha escluso patrimoniale e manovra bis. Ha anche garantito che

“il governo terrà: anche dopo le Europee. La spinta per il cambiamento e le riforme non si è ancora esaurita”.

Sullo spread ha detto testualmente: “La verità è che a oggi non vedo i presupposti che dovrebbero fare lievitare lo spread. E poi noto un fenomeno strano. Ci sono momenti in cui, con lo spread a un certo livello, se ne parla molto e in maniera allarmata. In altri momenti, con lo stesso livello, se ne parla poco o nulla: come se l’attenzione dipendesse da una bolla mediatica che si gonfia o si sgonfia a seconda degli impulsi esterni”. 

Ma Gasparri non condivide l’ottimismo di Conte: “In riferimento alla traballante vita del suo governo afferma ‘questa instabilità non riesco proprio a vederla’. Gli si deve essere abbassata la vista. Liti su tutto, paralisi su tutte le principali questioni. L’economia che crolla, le opere pubbliche paralizzate, la recessione che dilaga. Questo governo è peggio delle piaghe d’Egitto per l’Italia.

Capisco che Conte debba spargere miele, ma vive fuori dalla realtà. Nega manovre correttive che sono già in preparazione, esclude una patrimoniale che è già certa se questo governo non sarà rapidamente mandato a casa. Conte è semplicemente uno sprovveduto irresponsabile che sotto dettatura di analfabeti politici come Di Maio e Casaleggio sta portando l’Italia alla rovina.

“Negare questa evidenza suggerisce una visita medica urgente a palazzo Chigi. Già che si sta recando a Sharm el-Sheikh resti lì, potrebbe interpretare un cinepanettone, proseguendo lo sforzo già avviato da Vanzina o farsi una bella vacanza. Ne guadagnerebbero la sua salute e quella dell’Italia”.

In tema di politica estera del Governo Conte, Gasparri tocca un altro argomento scottante, quello del Venezuela. er concludere che “Maduro e suoi sostenitori grillini vanno cacciati”. 

Dice Gasparri: 

“Maduro spara sulla folla e distrugge gli aiuti diretti al popolo del Venezuela stremato dalla fame. Maduro viene difeso dal governo italiano e soprattutto dai grillini. Maduro è sostenuto da tal Di Battista e da un sottosegretario grillino, tal Di Stefano. Gente così getta discredito sull’Italia. Cacciamo loro e Maduro”.

Fonte: Today.