Pd, irruzione negli uffici Lazio e Provincia. Zanda: “Vile atto antidemocratico”

di redazione Blitz
Pubblicato il 24 gennaio 2014 16:39 | Ultimo aggiornamento: 24 gennaio 2014 16:39
Pd, irruzione negli uffici Lazio e Provincia. Zanda: "Vile atto antidemocratico"

Pd, irruzione negli uffici Lazio e Provincia. Zanda: “Vile atto antidemocratico”

ROMA – Irruzione negli uffici Pd della Garbatella a Roma che ospitano le sedi della segreteria regionale e delle federazioni di Roma e della provincia. Nella notte tra il 23 e il 24 gennaio ignoti si sono introdotti nelle stanze al secondo piano del palazzo di via delle Sette Chiese, e le hanno messe soqquadro. Lo rendono noto in un comunicato congiunto le segreterie del Pd del Lazio, di Roma e della provincia:

“Un’azione che ha colpito tutti i locali in uso al Pd che sono stati completamente messi sotto sopra. All’apertura degli uffici questa mattina gli impiegati e i volontari del Pd hanno trovato gli uffici e le sale riunioni completamente devastate, con cassettiere distrutte e uffici danneggiati”.

“L’irruzione è stata prontamente denunciata agli inquirenti che esattamente due mesi fa, erano dovuti intervenire per un’altra grave intrusione, avvenuta nella notte del 24 novembre. Negli uffici di via delle Sette Chiese – conclude il comunicato – sono intervenuti sia la polizia che i carabinieri che, insieme ai responsabili del Pd, stanno svolgendo i rilievi e le verifiche del caso, utili per le indagini”.

Un vile atto antidemocratico“, per il presidente dei senatori Pd Luigi Zanda, che ha commentato così l’attacco:

 “L’accaduto di questa notte, l’ultimo di una serie di intrusioni e devastazioni inaccettabili nelle sedi democratiche, non va sottovalutato. Si tratta di azioni che cercano di intimidire il lavoro quotidiano del Pd, il partito che più di tutti assicura la tenuta democratica di questo Paese contro i populismi, gli attacchi al Capo dello Stato, alla libera stampa, alla magistratura”.

“Certo che le Forze dell’Ordine faranno presto piena luce sull’accaduto, esprimo a nome mio e di tutto il gruppo del Pd al Senato, solidarietà ai militanti e ai dirigenti del Pd di Roma, della Provincia e del Lazio”.