Pd, Luigi Zanda contro Pietro Grasso: “Stupito che voglia insegnare a Prodi come si fa l’unità del centrosinistra”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 febbraio 2018 16:24 | Ultimo aggiornamento: 1 febbraio 2018 16:24
Luigi Zanda contro Pietro Grasso

Pietro Grasso

ROMA – “Mi stupisce che Pietro Grasso voglia insegnare a Prodi come si fa l’unità del centrosinistra. Prodi ha creato l’Ulivo e ha sempre fatto dell’unità del centrosinistra il punto centrale della sua politica. Mi sarebbe sembrato singolare ci avesse rinunciato proprio ora”. Così il presidente dei senatori del Pd Luigi Zanda – candidato nel Lazio1, plurinominale Senato – in un’intervista a Il Messaggero sulle polemiche in merito alle liste del Partito Democratico. “Le anime del partito sono tutte rappresentate. Poi la valutazione del come e del quanto la faremo dopo il 4 marzo. Gli elettori del Pd vogliono l’unità del partito e detestano le polemiche interne”.

Sul segnale di un’ inversione di tendenza che può influenzare anche il partito locale, Zanda osserva: “Schierare alla Camera il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ed Emma Bonino al Senato con +Europa, indica una grande attenzione alla Capitale”.  E aggiunge: “Intanto dobbiamo confermare Zingaretti nel Lazio. La forza politica di Zingaretti ha mandato in confusione la destra. La disputa tra Parisi e Pirozzi è un segno evidente di debolezza e di mancanza di un candidato all’ altezza”.