Pd offre 3 proposte, M5s apre la porta: “Utili”. Prove di dialogo?

di redazione Blitz
Pubblicato il 17 aprile 2018 19:56 | Ultimo aggiornamento: 17 aprile 2018 20:27
Pd offre 3 proposte, M5s apre la porta: "Utili". Prove di dialogo?

Pd offre 3 proposte, M5s apre la porta: “Utili”. Prove di dialogo?

ROMA – Il Pd lancia tre proposte e il Movimento 5 Stelle spalanca la porta.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

A dare il la è stato il segretario reggente del Pd Maurizio Martina che su Facebook scrive:

“Ecco le prime tre proposte Pd. Povertà: allargare il Reddito di Inclusione per azzerare la povertà assoluta in tre anni e potenziare le azioni contro la povertà educativa. Famiglie: introdurre l’assegno universale per le famiglie con figli, la carta dei servizi per l’infanzia e nuovi strumenti di welfare a favore dell’occupazione femminile, per ridurre le diseguaglianze e sostenere il reddito dei ceti medi”. Infine, “lavoro: introdurre il salario minimo legale, combattere il dumping salariale dei contratti pirata anche valorizzando il Patto per la Fabbrica promosso dalle parti sociali. Tagliare ancora il carico fiscale sul costo del lavoro a tempo indeterminato per favorire assunzioni stabili con priorità a donne e giovani, norme per la parità di retribuzione dei generi”.

Tre proposte che il Pd aveva già rilanciato dalla fine della scorsa legislatura, rimaste poi lettera morta. Ma che stranamente ora il Movimento 5 Stelle apprezza e legittima definendole “utili”. Per i capigruppo del Movimento 5 Stelle di Camera e Senato, Giulia Grillo e Danilo Toninelli la proposta avanzata da Martina

“rappresenta un’iniziativa utile ai fini del lavoro che sta svolgendo il comitato scientifico per l’analisi dei programmi presieduto dal professor Giacinto Della Cananea. Abbiamo sempre detto che ciò che vogliamo fare è partire dai temi che interessano ai cittadini”.

Insomma all’indomani dell’avviso di “chiusura del forno Lega”, dopo le polemiche tra Salvini e Di Maio, i 5 Stelle raccolgono con entusiasmo l’apertura del Pd. Ma subito dopo Martina puntualizza che le sue proposte erano “per gli italiani, non per questo o quel partito. Noi andiamo oltre i tatticismi degli altri”. Poi aggiunge caustico: “Il programma del Pd lo potevano leggere prima”.

Ma al di là dell’orgoglio di facciata, sono in molti a ravvisare il primo punto di contatto tra Pd e M5s. Il primo passo verso un dialogo che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella aspetta da due di settimane. Intanto, sull’altro fronte, si fa strada l’ipotesi di un incarico esplorativo alla presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, che Salvini ha già approvato: “Può fare un buon lavoro”, ha detto.