Pd, regole delle primarie: Bersani sceglie 1 su 10. Deroga a 10 “veterani”

Pubblicato il 17 Dicembre 2012 21:40 | Ultimo aggiornamento: 17 Dicembre 2012 21:46
Pd, regole delle primarie: Bersani blinda 1 su 10. Deroga a 10 "veterani"

Pier Luigi Bersani (foto Ansa)

ROMA – Pd, regole per le parlamentarie: 10 veterani potranno partecipare alle primarie di San Silvestro, mentre il “listino Bersani” sarà composto da un 10% di candidati “blindati”. Sono le prime regole

Veterani

I veterani sono quelli che stanno in Parlamento da almeno 15 anni (hanno fatto cioè almeno 3 legislature complete). Secondo lo Statuto del Pd non potrebbero ricandidarsi. Ma possono chiedere la deroga, che è stata concessa a questi 10: Rosy Bindi, Anna Finocchiaro, Beppe Fioroni, Franco Marini, Gianclaudio Bressa, Cesare Marini, Mariapia Garavaglia, Angelo Agostini, Giorgio Merlo e Giuseppe Lumia.

Listino Bersani

Pier Luigi Bersani avrà una “quota riservata” del 10 per cento di candidati che saranno “esentati” dalle primarie. E’ una sorta di mini listino bloccato.

Oltre al 10 per cento di candidati, Bersani sceglierà anche i capilista.

Regole delle primarie

Chi non è parlamentare uscente, per partecipare alle primarie dovrà raccogliere firme pari al 5 per cento degli iscritti su base provinciale o essere scelta nella rosa a disposizione delle direzioni provinciali riservata a personalità della societa’ civile.

Per “tutelare” la parità di genere, è prevista la doppia preferenza uomo/donna con l’obbligo di garantire almeno il 33 per cento della presenza femminile nelle liste.

Non potranno candidarsi, invece, salvo deroga concessa dal partito, gli europarlamentari, i sindaci di città superiori a 5 mila abitanti, assessori e consiglieri regionali.

Potranno votare alle primarie gli iscritti del Pd fino al 2011 e i votanti delle primarie del 25 novembre che dichiarino di essere del Pd.