Pd, Sara Manfuso rinuncia alla candidatura: avrebbe dovuto sfidare l’ex D’Attorre

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 gennaio 2018 16:28 | Ultimo aggiornamento: 28 gennaio 2018 16:28
Pd, Sara Manfuso rinuncia alla candidatura

Sara Manfuso

ROMA – Nella composizione delle liste elettorali, nessuno del Partito Democratico si è accorto che Sara Manfuso, assegnata al collegio Lazio2, avrebbe dovuto sfidare il suo ex compagno Alfredo D’Attorre, ex dem passato armi e bagagli a Liberi e Uguali. Uno scontro a cui la Manfuso ha rinunciato, più per motivazioni personali che politiche.

“Per il rispetto che nutro per il padre di mia figlia”, come ha scritto la stessa Manfuso in una nota, per evitare ogni strumentalizzazione. “La politica si può fare anche fuori dal Parlamento – sono le parole della ormai ex capolista – e la mia rinuncia alla capolistatura nel proporzionale in Lazio2 come candidata di coalizione di centrosinistra deriva proprio da questo assunto ma, ancor di più, dal rispetto che nutro per il padre di mia figlia che non merita – come me – la strumentalizzazione della competizione da un certo inevitabile para-giornalismo. Onorata della proposta che mi è stata rivolta, ma orgogliosa della decisione assunta”.

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other