La politica delle cene: gli accordi ora si fanno sotto il segno della mazzancolla

Pubblicato il 18 Aprile 2011 14:33 | Ultimo aggiornamento: 18 Aprile 2011 14:34

ROMA – Durante la prima Repubblica i patti tra politici si facevano nei salotti, ora al ristorante. Se all’epoca Aldo Moro parlò di “convergenze parallele”, oggi Fabrizio Cicchitto e Maurizio Gasparri siglano il cosiddetto “patto della mazzancolla”.

‘Il Messaggero’, infatti, fa notare come ormai, nel centrodestra, gli accordi si facciano davanti a un piatto di spaghetti. Dal già citato patto Cicchitto-Gasparri per la tenuta del Pdl, si può citare la cena organizzata da Matteoli e Scajola per 57 persone, pagata però solo da Matteoli perché Scajola ha detto: “Il conto è stato portato al tavolo a mia insaputa”.