Pdl, Verdini a Berlusconi: “Torna in campo in ticket con una donna”

Pubblicato il 13 agosto 2012 8:41 | Ultimo aggiornamento: 13 agosto 2012 8:42

Denis Verdini (LaPresse)

ROMA  – Silvio Berlusconi deve tornare in campo. Ma non da solo. Deve fare un “ticket” con una donna. E’ il parere del Coordinatore nazionale del Pdl Denis Verdini. Intervistato dal Giornale, Verdini  oltre a delineare il futuro del partito affronta i temi dei rapporti col governo e dei negoziati sulla riforma elettorale.

A proposito delle modifiche al sistema di voto il Coordinatore Pdl precisa che ”ci sono nodi da sciogliere”, mentre ”il Generale Agosto ha rallentato la trattativa. A fine mese – spiega – dovremo rivederci perché poi bisognerà lasciare spazio all’iter parlamentare che è quello che conta”. Sulla legge attuale, afferma, ”sono stati commessi degli errori ma ha permesso a tutti i partiti di portare giovani e donne in Parlamento in misura assolutamente superiore alle leggi precedenti. E ha anche introdotto il premio di maggioranza che nessuno mette più  in discussione”.

Quanto alla cosiddetta ‘Cosa Bianca’ il coordinatore del PdL è dubbioso: ”Innanzitutto prendere voti è una cosa difficile. Tra la volontà e la realtà c’è di mezzo il mare. Inoltre la ridiscesa in campo di Berlusconi delinea dei campi precisi. Per me il mondo è bipolare, soprattutto oggi che la situazione impone rapidità nelle decisioni e non bizantinismi”.

Tocca a Berlusconi ”decidere” sul ritorno in campo, ”ma le sue mosse hanno già  messo in fibrillazione i nostri avversari e creato un forte movimento nel nostro partito”. ”L’idea di un ticket con una donna di grande spessore potrebbe dar vita a una novità politica senza precedenti”. Chiuso il caso sulle parole di Monti a proposito di Berlusconi e spread: parole ”molto ingenerose” per Verdini, ma il chiarimento tra i due c’è stato. ”Abbiamo fatto prevalere, come sempre, il senso di responsabilità”.