Pdl vicino alla rottura. Bossi: “Ognuno andrà per la sua strada”. Berlusconi: “Governo saldo”, ma pensa a cacciare Fini

Pubblicato il 28 luglio 2010 17:45 | Ultimo aggiornamento: 28 luglio 2010 21:01
bossi

Umberto Bossi

Aria di rottura nel Pdl. Oggi Denis Verdini si è difeso dalle accuse della magistratura sul suo presunto coinvolgimento nella P3 e nella conferenza stampa non ha mancato di polemizzare con Gianfranco Fini che, ha detto, non l’ha “tutelato”. D’altronde sono giorni che in casa Pdl trema il terreno e i rapporti tra i due coofondatori, Gianfranco Fini e Silvio Berlusconi, sono ormai giunti al termine. A mettere in chiaro come stanno le cose ci pensa l’alleato, quello con la A maiuscola: Umberto Bossi. Come al solito senza peli sulla lingua e soprattutto senza troppi giri di parole, il Senatur dice, pane al pane e vino al vino, a che punto è la situazione nella maggioranza: ‘Fini e Berlusconi? – afferma – Ognuno andra’ per la sua strada…se non si trovano, se non si incontrano ognuno andrà per la sua strada”.

Attenzione, però, sottolinea Bossi: la rottura tra Berlusconi e Fini aggiunge Bossi ”non vuol dire che si vada ad elezioni”. E questo perché? Perché la Lega non permetterebbe mai che si vada al voto e che si rischi di perdere il posto a palazzo Chigi senza che sia varato il federalismo fiscale. ”Sono sicuro che non si va alle elezioni- chiarisce infatti Bossi – perchè bisogna fare il federalismo e siccome deve andare in Consiglio dei ministri e poi andare alle Camere e poi ancora in Consiglio ci vuole tempo. Il federalismo è la carta che garantisce che non si vota. Le Regioni sono senza soldi e mi ammazzano se non porto a casa il federalismo”.

Berlusconi in pubblico: il governo è saldo. Berlusconi, invece, pubblicamente continua a smentire che nel governo ci siano problemi. ”Io sono assolutamente sereno – afferma il Cavaliere durante settima conferenza degli ambasciatori italiani alla Farnesina – e se ci sara’ una divaricazione all’interno della maggioranza, i numeri sono abbondanti e non c’e’ alcuna possibilita’ di cambiamenti di governo o di maggioranza”. Comunque, ”oggi e’ stata votata la manovra, il governo e’ saldo anche se i giornali danno un’altra versione. Mai come negli ultimi tempi la realtà del governo e del Paese è diversa da quella rappresentata dai giornali”.

Proprio per dimostrare che il governo è saldo Berlusconi parla di progetti futuri: la ricostruzione dell’Aquila, una “grande riforma della giustizia” e una riforma costituzionale.”Oggi con il sottosegretario Letta – ha detto il Cavaliere – abbiamo preso la decisione di riprendere nelle nostre mani la fase 2, quella della ricostruzione dopo l’emergenza’ de L’Aquila. Ci sono ancora 13 miliardi di euro da spendere per la ricostruzione”, una fase che ”le istituzioni locali non hanno saputo gestire”.

E poi: ”Farò presto un intervento per anticipare la grande riforma della giustizia penale. C’e’ questa riforma da fare cui ci dedicheremo con determinazione nei prossimi anni di governo e di legislatura”, ha assicurato il presidente del Consiglio, tornando ad esempio a giudicare ”inaccettabile” il fatto che ”la magistratura di sinistra” possa arrivare a cancellare una legge approvata dal Parlamento che non e’ di suo gradimento”.

Nei prossimi tre anni di legislatura si lavorerà alla riforma costituzionale, è l’altro obiettivo di Berlusconi. Il presidente del Consiglio torna a criticare la nostra architettura costituzionale ricordando tra l’altro: “Se la legge non piace ad una certa magistratura di sinistra viene impugnata davanti alla Consulta che abroga questa legge. Questa – conclude- – e’ una situazione che non possiamo piu’ accettare”.

Poi ancora: ”Con il federalismo fiscale sarà possibile una più stringente lotta all’evasione e il gettito più forte potrà essere utilizzato per alleggerire la pressione delle tasse. Sappiamo che circa 120 miliardi dovrebbero entrare all’erario attraverso la lotta all’evasione. Ci impegnamo ad utilizzare le risorse per un abbattimento delle tasse, avendo come priorita’ una riduzione sostanziosa dell’Irap e l’introduzione del quoziente familiare che fara’ pagare meno alle famiglie con figli”.