Pensioni, la Lega contraria a un intervento

Pubblicato il 24 ottobre 2011 9:54 | Ultimo aggiornamento: 24 ottobre 2011 10:45

ROMA – ''La Lega e' sempre stata contraria all'ipotesi di ridiscussione dell'eta' pensionabile. Abbiamo fatto le nostre proposte alternative. Di questa questione ne discutera' il Consiglio dei ministri''. Lo ha detto Marco Reguzzoni, capogruppo della Lega nord alla Camera, durante la ''Telefonata'' di Maurizio Belpietro.

Quanto alla conferenza stampa di ieri nel corso della quale il presidente Sarkozy e la cancelliera Merkel hanno avuto unatteggiamento giudicato dai presenti irridente nei confronti dell'Italia, Reguzzoni ha detto di aver trovato ''abbastanza irritante la conferenza stampa di Sarkozy e Merkel ieri a Bruxelles. Il nostro governo ha fatto dei passi da gigante ed e' quello che ha fatto piu' di tutti gli altri nella storia della Repubblica e che ha contribuito al risanamento del bilancio''. ''Il raggiungimento del pareggio di bilancio, come noi siamo riusciti a fare, era davvero un'utopia solo qualche anno fa. Servono invece – ha aggiunto – misure per far rilanciare l'economia, per far ripartire la crescita e credo che questo sia il vero problema di oggi''. Ma la spinta per la crescita non puo' venire, per Reguzzoni, ne' dalla riforma delle pensioni ne' da una patrimoniale. ''Noi siamo contro una qualsiasi riforma delle pensioni e siamo contro la patrimoniale. Si puo' invece incidere, a costi molto limitati e in maniera positiva sui bilanci pubblici, dando degli incentivi ai contratti part-time a quelle donne che sono anche mamme e che hanno quindi dei figli a carico e che con l'attuale struttura dei contratti sono di fatto escluse dal mondo del lavoro. Un provvedimento – ha osservato – che non ha grandi costi e che e' stato fatto in tutti paesi europei, mentre nel nostro paese ancora non c'e'''.