Poliziotti giovani in strada: under 32 usati nei servizi operativi

Pubblicato il 4 Luglio 2012 10:35 | Ultimo aggiornamento: 4 Luglio 2012 10:38
agente polizia

Foto Lapresse

ROMA – I giovani poliziotti vadano per strada, non negli uffici. Dovrebbe essere una delle misure contenute nella spending review che il governo discuterà entro il 6 luglio.

La norma prevede che i dipendenti delle forze di polizia di età inferiore a 32 anni, salvo casi eccezionali, devono essere utilizzati a servizi operativi. Nell’ambito della riduzione delle spese per il personale (articolo 14), “le strutture interessate dalla limitazione delle assunzioni previste dal comma 1 adottano le opportune misure per destinare a servizi effettivamente operativi un numero di unità di personale non inferiore a quello corrispondente alle minori assunzioni da esso derivanti”.

Il governo è pronto a varare due decreti legge, uno entro questa settimana e uno entro agosto: la prima tranche farà perno oltre che sul pacchetto pubblico impiego, sulla razionalizzazione degli acquisti di beni e servizi targata Enrico Bondi.

Il commissario ha passato sotto la lente 60 miliardi di spesa e 54 ”tipologie merceologiche” e in alcuni casi ha valutato la possibilità di risparmiare fino al 61% attraverso l’individuazione dei cosiddetti costi standard. Si tratta di un’operazione che interessa tutte le amministrazioni ma che per alcuni settori assume dimensioni più significative.