Camere, M5s gela Berlusconi: “Parliamo solo con Salvini, lui il leader”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 marzo 2018 20:05 | Ultimo aggiornamento: 22 marzo 2018 22:34
Salvini e Di Maio spaccati su presidenze Camere

Presidenze Camere, M5s e Lega spaccati per Paolo Romani: si rinizia da zero

ROMA – Le presidenze della Camera e del Senato generano tensioni tra Lega nord e M5s. L’intesa si spacca per via di Paolo Romani, il nome proposto da Forza Italia per la presidenza di Montecitorio, e M5s gela Berlusconi: “Il leader è Salvini, parliamo solo con lui”.

Alle 20 si è tenuta negli uffici del Movimento 5 stelle la riunione dei capigruppo per sbloccare la situazione, come proposto da Luigi Di Maio. Il nodo della questione è il nome di Romani, con Forza Italia pronta a sostenerlo, mentre il Pd ha già annunciato che non lo voterà. La Lega invece si dice pronta a tavoli e tavolini e cerca di allacciare i rapporti con M5s, che continua a cercare un dialogo che con Berlusconi sembra impossibile. Danilo Toninelli, capogruppo M5s al Senato, ha dichiarato alla fine del vertice:
“Forza Italia si è seduta al tavolo senza alcun mandato mentre noi avevamo il mandato del nostro capo politico Di Maio per definire la rosa di nomi da inserire in tutte le caselle, inclusi gli uffici di presidenza. La Lega aveva un’apertura del tutto differente: era pronta a parlare di nomi, a differenza di Forza Italia”.
L’intesa tra M5s e Lega prevede l’elezione di un presidente della Camera tra i 5 stelle e di un esponente della coalizione del centrodestra al Senato. Il nome di Romani però non è gradito ad M5s, con Di Maio che ha proposto un nuovo giro di incontri  per ristabilire un dialogo che porti all’individuazione di figure di garanzia:
“Nelle ultime ore notiamo che ci sono difficoltà. Il Pd si è rifiutato di partecipare al tavolo di concertazione proposto dal centrodestra, e lo stesso centrodestra continua a proporre la candidatura di Romani che per noi è invotabile. Per questa ragione proponiamo un nuovo incontro tra i capigruppo di tutte le forze politiche”.

Dal canto suo, Salvini spera che nei prossimi giorni la soluzione sarà trovata:

“Spero che in due giorni votiamo tutti e il Parlamento comincia a lavorare. Poi la settimana prossima pensiamo al governo e si parte dal centrodestra, ma non posso fare un governo con Renzi e Boschi”.

Il capigruppo di Forza Italia, Renato Brunetta, sostiene il nome di Romani e attacca M5s:

 “Il Movimento 5 Stelle non vuole sedersi a un tavolo con Berlusconi, per noi è inaccettabile. Domani decideremo se Forza Italia voterà scheda bianca”.