Probabile incontro Tettamanzi-Bossi venerdì 11 dicembre

Pubblicato il 9 Dicembre 2009 12:28 | Ultimo aggiornamento: 9 Dicembre 2009 12:28

Salvo colpi di scena o imprevisti dell’ultima ora, l’incontro tra Umberto Bossi e Dionigi Tettamanzi si svolgerà venerdì 11 dicembre nelle sede della Curia di Milano. Lo rivela il sito Affaritaliani.it. Ad accompagnare il leader della Lega Nord dovrebbe essere il ministro Roberto Calderoli e, probabilmente, il numero uno del Carroccio milanese Matteo Salvini.

Il Senatùr si è reso conto che i toni della polemica contro l’Arcivescovo del capoluogo lombardo hanno superato il limite e ha ordinato ai suoi di svelenire il clima. Bossi sa perfettamente che molti elettori leghisti sono cattolici e soprattutto al Nord vanno regolarmente a messa la domenica, quindi non si può continuare la guerra contro la Diocesi ambrosiana, la più grande del mondo.

Il ministro delle Riforme ribadirà comunque a Tettamanzi la contrarietà del Carroccio alla costruzione di nuove moschee, anche se i toni saranno quelli del dialogo e dell’assoluto rispetto.

Finora però alla Curia di Milano non è giunta alcuna richiesta per un incontro tra il leader della Lega Umberto Bossi e Dionigi Tettamanzi, dopo gli attacchi del ministro Roberto Calderoli e del quotidiano ‘La Padania’ alle parole del cardinale sull’immigrazione e la politica di accoglienza. Lo precisa il portavoce di Tettamanzi.

«Raccomando rispetto e verità anche per il cardinale di Milano». Dopo gli attacchi della Lega all’arcivesovo di Milano cardinale Dionigi Tettamanzi – definito «clericale di sinistra» per aver ricordato il dovere dell’accoglienza nei confronti di rom e immigrati e paragonato per questo, senza mezzi termini, a un «imam islamico» – la solidarietà del Vaticano, tramite il suo segretario di Stato Tarcisio Bertone è inequivocabile. Così come inequivocabili sono le parole scritte sul quotidiano Avvenire, voce dei vescovi: «Polemica sguaiata, slogan senza verità e senza misericordia».