Proiettili a Fornero, Marcegaglia, Camusso e Bonanni. La Dda dispone accertamenti balistici

Pubblicato il 3 Febbraio 2012 13:47 | Ultimo aggiornamento: 3 Febbraio 2012 15:43

CATANZARO, 3 FEB – La Dda di Catanzaro ha disposto accertamenti balistici sui proiettili trovati il 31 gennaio scorso all'interno di buste con una lettera di minacce rivolto al Ministro del Lavoro, Elsa Fornero, alla presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, ed ai segretari di Cgil e Cisl, Susanna Camusso e Raffaele Bonanni.

L'inchiesta sull'episodio dei giorni scorsi e' confluita nel fascicolo della Dda aperto a dicembre scorso quando, sempre nel centro meccanografico delle poste di Lamezia Terme, furono trovate altre dieci lettere di minacce indirizzate al Premier, Mario Monti, all'ex premier, Silvio Berlusconi, ad esponenti dell'attuale governo ed ai direttori di alcuni quotidiani nazionali. Negli ambienti investigativi si ritiene che i due episodi sono collegati e dovranno essere considerati nell'ambito un'unica strategia.

Il Procuratore della Repubblica di Catanzaro, Vincenzo Antonio Lombardo, ed il sostituto, Carlo Villani, stanno valutando anche il contenuto delle minacce e le sigle utilizzate per rivendicarle. Nelle lettere dei giorni scorsi si faceva riferimento al 'Fronte Rivoluzionario' mentre in quelle di dicembre il volantino era firmato dal 'Movimento Armati proletari'. Gli inquirenti stanno cercando di accertare se realmente dietro alle due sigle ci sono dei gruppi oppure se sono stati utilizzati nomi di fantasia.