Quote latte, Galan minaccia dimissioni: “Se impone lo stop alle multe, me ne vado dal governo”

Pubblicato il 7 Luglio 2010 16:48 | Ultimo aggiornamento: 7 Luglio 2010 16:50

Giancarlo Galan

Il ministro dell’Agricoltura Galan si schiera contro il governo che vorrebbe mettere uno “stop” alle multe nelle “quote latte”. La misura è inserita in un emendamento alla manovra proposto dal relatore Azzollini. L’argomento, molto caro al “popolo del Nord”, è diventato una questione di principio per l’ex governatore veneto, che ha minacciato di riservarsi “tutte le valutazioni” di sua competenza se l’emendamento dovesse essere approvato. Si tratta forse di una minaccia di dimissioni?

Il ministro si è autoproclamato “paladino” dei lavoratori del settore: “Contro lo stop alle multe sulle quote latte c’è anche la contrarietà del 95% degli operatori del settore, la contrarietà di tutte le organizzazioni agricole, la contrarietà del Parlamento e, in particolare, di quasi tutte le forze politiche di questa Camera, che l’anno scorso rigettarono emendamenti analoghi a quello presentato oggi al Senato”.

Inoltre, particolare non secondario, ”c’è la contrarietà della Commissione Europea che aprirebbe nei nostri confronti una procedura di infrazione con conseguenze disastrose a carico dell’erario”.

Galan “boccia” la proposta del governo perché contraria ai valori dei quali lo stesso esecutivo dovrebbe, secondo lui, farsi portatore: “E’ la contrarietà della legalità, della trasparenza, dei comportamenti onesti derivanti dall’ordinamento comunitario e da quello nazionale”.