Rai. Gasparri: Renzi perfetto candidato all’Isola dei famosi, altro che Machiavelli o Carducci

Pubblicato il 16 Marzo 2015 12:35 | Ultimo aggiornamento: 16 Marzo 2015 10:20
Rai. Gasparri: Renzi perfetto candidato all'Isola dei famosi, altro che Machiavelli o Carducci

Maurizio Gasparri: Renzi perfetto candidato all’Isola dei famosi, altro che Machiavelli o Carducci

ROMA – Il vice presidente del Senato Maurizio Gasparri (FI), parte a testa bassa contro il presidente del Consiglio Matteo Renzi e lo definisce

“il perfetto candidato all’Isola dei famosi, un ignorante a Palazzo Chigi con altri ignari della legge al seguito”.

Renzi ha offeso Gasparri dicendo che  la Rai 

“non può essere regolata da una legge che si chiama Gasparri

e da allora Gasparri lo copre di contumelie, definendolo

“Imbecille, massone, ignorante”, “un poveraccio, destinato a condurre quiz

e anche di lezioni di diritto costituzionale, benché

“dare lezioni di diritto a Renzi sia probabilmente inutile, perché è più arrogante che ignorante. La Corte Costituzionale ha sempre affermato che il ruolo del Parlamento deve essere prevalente rispetto a quello del governo. Ridurre l’influenza dei partiti è un buon proposito, ma passare dal pluralismo del Parlamento, espressione della democrazia, al partito unico che attraverso il governo lottizza, comanda e controlla la Rai non è possibile”.

Tornato sull’argomento Rai nel week end, Maurizio Gasparri ha detto ancora:

“È clamoroso ciò che è avvenuto. Renzi non potrà dare nome a leggi che avrebbero un indelebile marchio di squallore. Ha proposto l’elezione del Cda Rai da parte del Parlamento in seduta congiunta, modalità che può essere prevista solo da una apposita norma costituzionale, per varare la quale ci vorrebbero un paio d’anni.

“L’articolo 55 comma 2 della nostra Carta costituzionale dice chiaramente che il Parlamento in seduta comune si riunisce nei soli casi previsti dalla Costituzione. Renzi non sa nulla.

“Fuggito davanti ai nostri richiami alle sentenze della Corte Costituzionale, si è arreso alla giusta centralità del Parlamento in materia di Rai. Ma propone sciocchezze che difatti non gli faranno scrivere nel testo del governo. Scommettiamo? Studi di più. Viene da terre che nei secoli hanno espresso il meglio d’Italia. Lui abbassa la media. Già dissi che non era Machiavelli o Carducci. Ora penso che potrebbe al massimo bere una birra con i tifosi olandesi a piazza di Spagna sotto lo sguardo della polizia”.