Rauti contro Fini: “E’ un bugiardo e un mortarolo. Legalità? Pensi alla casa di Montecarlo”

Pubblicato il 2 agosto 2010 10:50 | Ultimo aggiornamento: 2 agosto 2010 11:40
pino rauti

Pino Rauti

“Fini non è mai stato sincero” e “nel suo partito quando mai è stato liberale”. Lo dice in un’intervista al Giornale Pino Rauti, uno degli storici leader del Movimento Sociale Italiano: “Fini ha sempre comandato a spada tratta, ha sciabolato quando e come ha voluto e non s’é mai sottoposto a congressi degni di questo nome”.

Rauti, che è anche suocero del sindaco di Roma Gianni Alemanno, ha dato del “bugiardo” al presidente della Camera: “Lo conosco da una vita, non dice mai quello che pensa”. Poi Rauti ha definito Fini “un mortarolo”, ossia “un liquidatore”: “Ha liquidato il Msi prima, ha liquidato An nel Pdl e adesso vorrebbe liquidare il Pdl”.

Infine Rauti non crede nemmeno al Fini nelle vesti di “paladino della legalità”: “L’inchiesta sulla casa di Montecarlo è un’ombra pesante su di lui”.

Dalle colonne del quotidiano diretto da Vittorio Feltri anche il sindaco leghista Flavio Tosi ha affrontato il nodo Fini: l’ex leader di An “ha tradito, ostacolando il federalismo si è reso strumento del malgoverno”. “La criptonite di Fini – aggiunge il primo cittadino di Verona – è l’ambizione. Vuole sbarazzarsi del Cavaliere per diventare premier o presidente della Repubblica. Io credo che Fini covi una profonda invidia per Bossi”.

Sul medesimo quotidiano l’onorevole Stracquadanio ha invece corretto il tiro a proposito del “trattamento Boffo” auspicato per il presidente della Camera in un’intervista al Fatto, chiarendo che la sua era una “provocazione voluta, una forzatura, una metafora” per ottenere “eco mediatica”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other