Recovery Fund, piano inviato all’UE? Gasparri: Mattarella intervenga

di Marilena D'Elia
Pubblicato il 18 Dicembre 2020 21:48 | Ultimo aggiornamento: 18 Dicembre 2020 21:48

Recovery Fund, piano inviato all’UE? Gasparri: Mattarella intervenga (foto Ansa)

Recovery Fund: il piano di riforme forse già inviato alle autorità UE e senza nessun confronto in Parlamento. A lanciare l’allarme il senatore d Forza Italia Maurizio Gasparri.

Ha detto infatti il sentore forzista

“Si apprende da fonti dell’Unione Europea che l’Italia e il suo governo hanno già mandato un piano di riforme per il Recovery Fund alle autorità comunitarie.

Dove è stato discusso? Come ci si è confrontati in parlamento su queste proposte? Nulla di nulla.

Niente spirito istituzionale e niente collaborazione da parte del Governo, dice Maurizio Gasparri

“Nessuno spirito istituzionale. Nessuna collaborazione. Nessun rispetto delle regole democratiche. Un governo che manda un piano scritto con quattro frasi messe in fila senza alcun capo né coda.”

Il senatore forzista auspica l’intervento del presidente Sergio Mattarella

“Il presidente Mattarella non ha nulla da dire di fronte a questo banditismo di governo? Mattarella vuole alzare la sua voce di fronte a questi comportamenti inauditi? Dov’è il confronto? Dove sono la chiarezza e la compiutezza delle proposte?

Si fa appello alle opposizioni con uno spirito istituzionale e il governo poi agisce in questo modo.”

Il piano Recovery suscita discussioni all’interno della maggioranza

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha ammesso che ci sono discussioni all’interno della maggioranza.

Discussioni che- ha detto Conte- “si stanno comunque tutte orientando verso la disponibilità e la volontà di rendere il nostro piano nazionale di ripresa e resilienza, quanto più efficace possibile, nell’interesse non solo dell’Italia ma dell’Europa”-

Lo ha detto il Presidente del Consiglio nel suo intervento di oggi a conclusione  della videoconferenza “Nuovo bilancio e Next Generation EU: un piano europeo per far ripartire l’Italia” organizzata dal Parlamento europeo.