Referendum, in campo Pd e Idv. Ma per Berlusconi sono “inutili”

Pubblicato il 4 Giugno 2011 0:32 | Ultimo aggiornamento: 4 Giugno 2011 0:34

ROMA, 3 GIU – Il finiano Benedetto Della Vedova provoca sostenendo che sul nucleare il governo ''ha fatto campagna per il si' cancellando le norme''. Ma certo l'esecutivo non si mettera' di traverso ai referendum, consapevole della popolarita' del no al nucleare e attento ad evitare che la consultazione si trasformi in un nuovo test politico. ''Non avra' alcune conseguenze sul governo, gli italiani diranno di non volere il nucleare e noi ne prenderemo atto'', minimizza il premier Silvio Berlusconi che polemizza a distanza con Pier Luigi Bersani sull'utilita' dei quesiti. Dopo la sconfitta alle amministrative, depotenziare gli effetti politici del referendum e' l'obiettivo della maggioranza che lascera' liberta' di voto ai cittadini. Nell'opposizione, invece, convivono la tentazione di celebrare il terzo atto delle elezioni per indebolire ulteriormente il governo e la consapevolezza che dare colore politico ai referendum ridurra' la partecipazione al voto, rendendo ancora piu' difficile raggiungere il quorum. Il premier, stretto tra rimpasto e rilancio del Pdl, non vuole altre grane: ''Noi non abbiamo dato alcuna indicazione e ci adegueremo alla volonta' dei cittadini. Davvero l'esito del referendum non ha nulla, nulla a che vedere con la vita del governo''. Quindi anche se Berlusconi definisce ''demagogici e fuorvianti'' i quesiti sull'acqua ed un voto ''sul nulla'' quello sul nucleare, evitando valutazioni sul quesito contro il legittimo impedimento, il 13 giugno l'esito dei referendum sara' ininfluente sull'iter della legislatura. Un ''liberi tutti'' che porta parlamentari come Alessandra Mussolini ed il governatore veneto Zaia ad annunciare che voteranno per la cancellazione del nucleare. Nuclearista convinto resta invece l'ex ministro Claudio Scajola che comunque non andra' a votare referendum ''pasticciati''. Sull'utilita' dell'appuntamento, Bersani, che ha mobilitato il Pd per il rush finale della campagna, ribatte al premier: ''Il voto e' utilissimo, non sara' un colpo al governo perche' non abbiamo politicizzato neanche le amministrative ma si parla di temi concreti sui quali tutti possono salire sul palco e fare le loro proposte''. Il segretario Pd, cosi' come il leader Idv Antonio Di Pietro, lanciano ami agli elettori del centrodestra perche', come spiega l'ex pm, ''dobbiamo raggiungere il quorum sapendo che non basta il 50%, ma serve il 60%''. Ed e' proprio per portare quante piu' persone, anche di centrodestra, al voto, che Sinistra e Liberta' non appoggia la manifestazione di chiusura, venerdi' 10 a Roma, promossa da Pd e Idv mentre bisognerebbe lasciare spazio a comitati referendari e societa' civile. Piu' orientato a caricare di valore politico il referendum e' invece Massimo D'Alema: ''Credo che continuera' a manifestarsi questa spinta al cambiamento, alla partecipazione, che ha caratterizzato in modo cosi' significativo le elezioni amministrative''. E un invito ad andare a votare arriva da Futuro e Liberta', e in generale dal Terzo Polo, sulla scia della scelta del presidente della Camera Gianfranco Fini: ''Votare soprattutto in una stagione come questa e' un atto di patriottismo costituzionale''.