Referendum, Renzi evoca incubo Monti: “Rischio governo tecnico se vince il No”

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 novembre 2016 15:01 | Ultimo aggiornamento: 2 dicembre 2016 15:37
Referendum, Renzi: "Rischio governo tecnico: solo votando Sì potete scongiurarlo"

Referendum, Renzi: “Rischio governo tecnico: solo votando Sì potete scongiurarlo” (Foto Ansa)

ROMA –  Matteo Renzi lancia l’avvertimento pre-referendum: “Solo voi, votando Sì, potete scongiurare il rischio di un governo tecnico”. Il presidente del Consiglio lo chiarisce dal palco di una a Torino, accusando Lega e Movimento 5 stelle di contraddirsi perché “dicono di essere contro la casta ma poi votano No ad una riforma che taglia i costi della politica”.

Mario Monti, l’ideologo e capo dei governi tecnici, ha detto che ho fatto troppi bonus fiscali. Il punto è che non è che si può votare di Sì perché uno alza le tasse e poi dire No se si abbassano”, ha attaccato Renzi. “Se guardassimo i numeri dei partiti per il Sì o per il No saremmo spacciati: 35 a 65. Certo è una partita difficile, ma tanti non del Pd hanno voglia di un Paese più semplice, più tranquillo. È una grande occasione per semplificare il sistema. Non dipende dai partiti, ma dai cittadini”.

E poi ha lanciato la provocazione del “kit anti-bufale”. “Questa settimana faremo il kit anti-bufale. Ne hanno dette tante, le abbiamo raccolte e le distribuiremo. Dobbiamo raccontare casa per casa che questo referendum non è il congresso del Pd. Adesso concentriamoci nel merito. Viviamo quest’ultima settimana con il sorriso sulle labbra”.

Da destra l’attacco arriva da Silvio Berlusconi: “Renzi si è fatto una riforma per sé”. Se vincesse il Sì “sarebbe il padrone dell’Italia”, ha detto l’ex premier, candidandosi alla guida del centrodestra, e provocando Matteo Salvini, che gli risponde a distanza: “Felice del suo ritorno, ma il leader sarà scelto dalle primarie”.

Berlusconi guarda già al 5 dicembre e si dice sicuro che “vincerà il No”. “Non è vero che le cose resteranno come stanno perché si aprirà la possibilità di una nuova legge elettorale, fondata sul proporzionale, con un limite per i piccoli partiti per non avere una frammentazione eccessiva del Parlamento. Una legge elettorale che noi potremo condividere con gli altri partiti sedendoci a un tavolo comune. E subito dopo l’approvazione di questa legge elettorale si potrà andare al voto”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other