Lombardia, il Pd “resiste” a Milano. Intanto Bossi e La Russa “litigano” per le comunali

Pubblicato il 30 Marzo 2010 16:03 | Ultimo aggiornamento: 30 Marzo 2010 17:33

Filippo Penati

Il centrodestra si conferma egemone in Lombardia, ma a Milano città il centrosinistra ha qualche motivo per sorridere. Nel capoluogo lombardo infatti il distacco tra i due schieramenti è di soli 8 punti, rispetto al divario del 15% su scala regionale: 49,03% per il centrodestra, 41,16% per il centrosinistra.

Questo risultato è stato accolto con favore dal Pd milanese, soprattutto in vista delle elezioni comunali del 2011. Filippo Penati, il candidato sconfitto da Roberto Formigoni, ha parlato di un dato “molto favorevole”. L’ottimismo è dovuto non solo al risultato del Pd, che a Milano ha totalizzato il 26,31% (in Lombardia ha preso il 22,89%), quanto ai numeri ottenuti dal centrodestra: la coalizione a sostegno di Formigoni si è fermata sotto la soglia del 50%, e la Lega ha ottenuto un risultato di molto inferiore alla media regionale (14,49% a Milano, 26,20% in Lombardia).

Anche Formigoni ha ammesso che “Milano, insieme a Mantova, si è rivelata un punto di debolezza per il Pdl”. Formigoni ha poi ricordato di aver presentato quattro programmi speciali per Milano che implicano un impegno del partito per la città dove il successo sul Pd è stato meno forte.

Intanto all’interno del centrodestra sono cominciati i battibecchi sul nome del candidato sindaco di Milano. Umberto Bossi aveva dato la propria disponibilità a candidarsi in prima persona, ma Ignazio La Russa ha risposto che “Milano non è in discussione” e resterà al Pdl, proprio in virtù dei risultati del voto lombardo.

Il Pdl si è confermato primo partito cittadino con il 36% delle preferenze. Segue il Pd oltre il 26%, poi ci sono la Lega al 14,5% e l’Idv al 7,5%. Positivo anche il dato per il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, che ha racimolato il 3,23% dei consensi. Maluccio invece Sinistra Ecologia Libertà (2,92%) e Udc (2,89%).

Penati ha sottolineato che il Pd ha recuperato terreno rispetto alle europee dello scorso anno: “Abbiamo invertito la tendenza”. Un risultato da cui ripartire in vista delle comunali del prossimo anno, anche se proprio Penati ha per il momento negato di volersi candidare alla carica di sindaco. Tuttavia per il centrosinistra quella del 2011 sarà una sfida difficile: in tutte le circoscrizioni di Milano il centrodestra ha avuto la meglio, anche in quelle (per esempio Garibaldi-Niguarda) in cui la sinistra ha sempre ottenuto risultati a proprio favore.