Regionali. Napolitano ai neopresidenti: “Adesso servono riforme condivise”

Pubblicato il 30 Marzo 2010 11:43 | Ultimo aggiornamento: 30 Marzo 2010 11:43

Giorgio Napolitano

Occorrono «ulteriori riforme», procedendo su quelle avviate e quelle «apparse condivise»  nella scorsa legislatura: lo dice il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in una dichiarazione di auguri ai nuovi governatori e consiglieri regionali. Napolitano si augura che dagli eletti venga l’impulso allo «sviluppo del processo riformatore, su basi autonomistiche e solidali, a miglior presidio dell’unità nazionale e degli equilibri costituzionali» che potrà porre rimedio al fenomeno dell’astensionismo.

«Ai presidenti di Regione e ai Consigli regionali, appena eletti, invio il mio cordiale augurio», premette Napolitano che poi sottolinea: «Le autonomie regionali e locali sono parte essenziale del sistema dei poteri repubblicani, qual è stato stabilito dalla Costituzione del 1948 e dalle sue successive revisioni. Si tratta di un ordinamento, che per potersi considerare compiuto e per rafforzarsi nei suoi equilibri, richiede ulteriori riforme, in parte già avviate e in corso di realizzazione, e per altri aspetti già delineate e apparse condivise in Parlamento nel corso della precedente legislatura». «L’augurio – prosegue – è che dai presidenti e dai Consigli rappresentativi di tutte le Regioni venga un sostanziale impulso e contributo allo sviluppo del processo riformatore, su basi autonomistiche e solidali, a miglior presidio dell’unità nazionale e degli equilibri costituzionali. Anche ciò potrà concorrere – conclude – al superamento di fenomeni di distacco dalle istituzioni e dalla partecipazione elettorale»