Regionali, Sergio Mattarella: “Affluenza cala per liti esasperate, creano sfiducia”

di redazione Blitz
Pubblicato il 1 Giugno 2015 19:28 | Ultimo aggiornamento: 1 Giugno 2015 19:29
Regionali, Sergio Mattarella: "Affluenza cala per liti esasperate, creano sfiducia"

Regionali, Sergio Mattarella: “Affluenza cala per liti esasperate, creano sfiducia”

ROMA – Il dato sull’affluenza, particolarmente basso e ancora in calo, secondo il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è da attribuirsi alle “liti esasperate” che caratterizzano “la vita istituzionale”.  E’ quanto affermato dal Capo dello Stato in un passaggio del suo messaggio per il 2 giugno.

“Le discussioni – dice Mattarella – la dialettica anche acuta, sono preziose, ma le liti esasperate creano sfiducia, contribuiscono a creare sfiducia e allontanano la partecipazione dei cittadini”. E “senza adeguata partecipazione dei cittadini” alla politica, è il monito del presidente, “la democrazia si impoverisce molto”. Mattarella ha anche ricordato che “domani è il compleanno della Repubblica. Ricordiamo il ritrovamento della libertà e della democrazia e la prima occasione in cui si è esercitato il diritto di voto delle donne”.

Mentre il premier Matteo Renzi si dice comunque soddisfatto e la butta sull’aritmetica: “Si è passati in un anno dal 6 a 6 ad un sonoro 10 a 2 sul centrodestra”. Sottolineando che il Pd ha comunque vinto in 5 delle sette Regioni andate al voto. Numeri che “per il governo non cambiano nulla, anzi andiamo avanti con ancora maggiore determinazione nel processo di rinnovamento del partito e di cambiamento del Paese”.

5 x 1000