Regione Lombardia, il kit-gioco agli immigrati per diventare cittadini

Pubblicato il 9 Maggio 2012 15:14 | Ultimo aggiornamento: 9 Maggio 2012 15:35

MILANO, 9 MAG – Anche un 'gioco in scatola' puo' servire a diventare buoni cittadini, imparando l'italiano e regole di vita quotidiana. E' l'obiettivo del kit 'Cittadini in gioco', destinato all'integrazione degli stranieri presentato dalla Regione Lombardia e stampato in 600 copie da distribuire ai docenti dei corsi di italiano oltre che ad associazioni ed enti che si occupano di integrazione.

''Cittadini in gioco – ha detto in una conferenza stampa il presidente della Regione, Roberto Formigoni – fa parte del progetto 'Vivere in Italia. L'italiano per il lavoro e la cittadinanza'. Realizzata in collaborazione con Anci Lombardia, Ufficio scolastico regionale, Fondazione Ismu, Galdus, Caritas e Enaip, questa iniziativa si e' classificata al primo posto tra i progetti italiani presentati in sede europea, ottenendo un finanziamento di oltre 822 mila euro''. L'assessore Giulio Boscagli ha sottolineato che ''il progetto si muove attraverso 5 linee d'azione, che affrontano il tema dell'integrazione attraverso una prospettiva totale e l'implementazione della rete dei soggetti coinvolti''.

Il kit, realizzato in collaborazione con la Fondazione Ismu e Carthusia, e' uno strumento che, attraverso il gioco e l'apprendimento collettivo, permette di imparare valori, leggi, pratiche del vivere in Italia. ''Da 12 anni – ha ricordato ancora Formigoni – ci siamo dotati di uno specifico Osservatorio regionale che cerca di fornire strumenti e conoscenze per governare e gestire il fenomeno immigratorio. Il Rapporto presentato quest'anno dice che la Lombardia ospita un quarto degli stranieri in Italia, contandone 1 milione e 300mila''.