Alla Regione Puglia piedi troppo grandi: rimborso fino a 150 euro per le scarpe dei dipendenti

Pubblicato il 19 settembre 2012 21:02 | Ultimo aggiornamento: 19 settembre 2012 21:02
nichi vendola

Nichi Vendola (LaPresse)

I dipendenti del consiglio regionale pugliese e gli autisti al servizio della regione governata da Nichi Vendola hanno i piedi troppo grandi: salta l’appalto per “La Patriottica”, la ditta che si era aggiudicata la fornitura delle uniformi al personale di servizio. Una commessa che costava alla Regione 811,20 euro l’anno a dipendente. In compenso l’ente pagherà un massimo di 150 euro per paio di scarpe e di 5 euro per un paio di calze ai dipendenti che si compreranno da soli le calzature e presenteranno lo scontrino.

Ne dà notizia Libero con un articoletto firmato Fosca Bincher, nom de plume di Franco Bechis:

Alla segreteria generale del consiglio regionale è arrivata una lettera della ditta che ha vinto nel 2009 l’appalto per la fornitura di vestiari ai dipendenti (divise, scarpe e calze), in cui si raccontava la disperazione nel trovare scarpe e calze adatte ai piedoni dei “Ciclopi di Nichi”. Impossibile, tanto che la ditta La Patriottica di Bari ha deciso di rinunciare a una commessa che vale per ogni dipendente 811,20 euro l’anno. Ne appare traccia – pur nel linguaggio burocratico – nella delibera amministrativa del consiglio regionale con cui si è cercata la soluzione ai piedoni, visto che i Ciclopi non possono andare in giro scalzi. “La ditta aggiudicataria ha avuto difficoltà nel fornire le scarpe e le calze anche in virtù di particolari esigenze fisiche di alcuni dipendenti”.

Tutto il personale del consiglio regionale si comprerà da sé scarpe e calze, girando per trovare le giuste misure e scegliendo i modelli che più aggradano. Saranno rimborsati dalla Regione dietro scontrino: entro un tetto di 150 euro per un paio di scarpe e di 5 euro per un paio di calze.