Regione Sicilia, Corte Conti contesta spese irregolari per 1,5 milioni di euro

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 Maggio 2014 0:20 | Ultimo aggiornamento: 29 Maggio 2014 0:20
Regione Sicilia, Corte Conti contesta spese irregolari per 1,5 milioni di euro

Regione Sicilia, Corte Conti contesta spese irregolari per 1,5 milioni di euro

PALERMO – Le spese irregolari della Regione Sicilia ammontano a 1,5 milioni di euro. Questa la stima della Corte dei Conti, che ha contestato ai 12 gruppi parlamentari dell’Assemblea regionale siciliana, Ars, le spese del 2013 ritenute irregolari.

Nel mirino della Corte dei Conti finisce in particolare il gruppo del Pdl, con oltre 650mila euro di spese contestate, mentre le spese sospette ammontano a 1400 euro per il gruppo del Pd. Virtuosi i parlamentari siciliani del Movimento 5 stelle, a cui nulla è stato contestato.

I gruppi parlamentari dell’Ars virtuosi, cui la Corte dei Conti ha parificato il rendiconto, sono quattro: M5s, il Megafono, Lista Musumeci e gruppo Misto.

La contestazione più alta riguarda il gruppo del Pdl, la cui spesa irregolare ammonta a 656.381,51 euro. Seguono il Mpa-Pds con 552.024,18 euro, Grande Sud con 109.246,34 euro, Pid-Cantiere popolare con 107.240,63 euro, Grande Sud-Pid/cantiere popolare 72.765,21, Udc con 40.204,77 e i Democratici riformisti per la Sicilia 3.273,75. Ultimo il Pd, a cui sono state contestate spese per appena 1.484,37 euro su un bilancio di 1,5 milioni di euro.