Manovra: Regioni-Berlusconi, l’incontro ci sarà il 9 luglio. Fiducia in Camera e Senato

Pubblicato il 7 Luglio 2010 14:38 | Ultimo aggiornamento: 7 Luglio 2010 18:04

Vasco Errani

Alla fine le Regioni l’hanno “spuntata” e hanno ottenuto l’incontro con Berlusconi: i rappresentanti dei governatori italiani saranno ricevuti il 9 luglio a Palazzo Chigi dal presidente del Consiglio e dal ministro dell’Economia Giulio Tremonti. Inoltre premier e ministro hanno annunciato che sarà posta la mozione di fiducia sia alla votazione alla Camera sia a quella in Senato.

Le Regioni avevano precedentemente comunicato che non avrebbero partecipato all’incontro con il Governo, programmato per giovedì 8 luglio alle 15.00,  nel quale non era prevista la presenza del premier.  Gli enti locali avevano detto che sarebbe sufficiente che l’incontro con il premier si possa realizzare, al di là dell’unificata, pochi minuti prima anche in un’altra sede. Lo avevano detto in una conferenza congiunta il presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, il presidente dell’Anci Sergio Chiamparino e il presidente dell’Upi, Giuseppe Castiglione. ”Se nessuna delle due ipotesi dovesse realizzarsi – avevano avvertito i tre presidenti – nessuno di noi parteciperà alla Conferenza unificata”.

“Per quanto ci riguarda c’è ancora tempo per evitare una crisi istituzionale che noi non vogliamo”, aveva spiegato Errani: ”Confidiamo a questo punto nella disponibilità che il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, aveva già dato quando era in Brasile”.

Sulla stessa lunghezza d’onda il presidente dell’Associazione nazionale dei Comuni, Sergio Chiamparino: ”Senza un incontro con il premier non c’è soluzione politica. Questa resistenza a incontrarci è per me incomprensibile”.