Renzi-Berlusconi incontro oggi alle 17. Per superare stallo Corte Costituzionale

di redazione Blitz
Pubblicato il 17 settembre 2014 16:32 | Ultimo aggiornamento: 17 settembre 2014 16:32
Renzi-Berlusconi, incontro oggi alle 17. Per superare stallo Corte Costituzionale

Silvio Berlusconi , Matteo Renzi

ROMA – Appuntamento alle 17 a Palazzo Chigi tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi. Un faccia a faccia atteso ormai da giorni, per superare lo stallo nella scelta dei candidati di Consulta e Csm. Ma anche e soprattutto per blindare l’ormai storico patto del Nazareno, l’accordo politico tra il premier e il leader di Forza Italia, siglato a gennaio scorso, che si regge sull’assenza di elezioni anticipate. Ma Berlusconi sarebbe rimasto perplesso dalle parole di Renzi alla presentazione dei suoi Millegiorni. “Se il Parlamento si dimostrasse incapace di fare le riforme – ha detto Renzi – l’unica alternativa sarebbe il voto anticipato”.

Sulle votazioni di Consulta e Csm è sceso in campo anche il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Il capo dello Stato giudica grave e immotivato lo stallo del Parlamento, che non ha completato l’elezione dei nuovi membri laici del Csm e non riesce ad eleggere Donato Bruno (Forza Italia) e Luciano Violante (Pd) a giudici della Corte Costituzionale, dopo undici votazioni in cui non si è riusciti a raggiungere i 3/5 dei voti di deputati e senatori in seduta comune, necessari per l’elezione dei due candidati. “Colpa di immotivate pretese settarie”, ha ammonito.

Il problema, sottolinea il presidente soprattutto in vista della riforma costituzionale e della legge elettorale, è la strutturale incapacità dimostrata da questo Parlamento (la sua rielezione a capo dello Stato ne è un esempio) a eleggere candidati condivisi.

Nelle retrovie già si pensa a un piano b, in caso di ennesima fumata nera. Si tenterebbe la via dei tecnici dopo aver a lungo provato con i politici. I primi nomi circolati, scrive l’Huffington Post, sono da un lato quelli di Zanon e Guzzetta, dall’altro quelli di Barbera e Ceccanti. Prima però c’è la dodicesima votazione, col tentativo, l’ultimo, di far passare il ticket Violante e Bruno.