Renzi: “Se cade Conte ci sarà un nuovo governo, ma niente elezioni”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 Febbraio 2020 16:52 | Ultimo aggiornamento: 17 Febbraio 2020 18:47
Renzi: "Se cade Conte ci sarà un nuovo governo ma niente elezioni"

Renzi: “Se cade Conte ci sarà un nuovo governo ma niente elezioni” (foto ANSA)

ROMA – “Le elezioni non ci saranno per mesi (dopo il referendum di marzo vanno rifatti i collegi e dunque servono tempi tecnici). Per cui, se cade il Governo Conte Bis, ci sarà un nuovo Governo. Non le elezioni”. Lo scrive Matteo Renzi nella sua enews, aggiungendo che “se avranno i senatori che stanno cercando e i numeri per il conte Ter noi saremo felicemente all’opposizione”.

Numeri alla mano, secondo Renzi comunque “non ci sarà Conte ter perché non hanno numeri”. “Da giorni – sostiene – molti nostri senatori sono avvicinati da inviti a lasciare Italia Viva. Alcuni di loro sono già stati indicati da taluni media come pronti alla fuga. Se dieci senatori di Italia Viva passassero dall’altra parte ci sarebbe il Conte Ter: terzo governo in tre anni, con terza maggioranza diversa. Io non ci credo, anche perché conosco i senatori di Italia Viva e non ne vedo dieci pronti ad andarsene (per adesso non ne vedo nemmeno uno, a dire il vero). Per me, non hanno i numeri e se ne stanno accorgendo proprio in queste ore”.

“Più ci attaccano – continua -, più capiscono chi siamo. Persone per bene, che non sono in vendita. E che possono rinunciare domattina a un incarico di Governo in nome di un’idea. Non sono mai stato così felice della bellissima comunità di donne e uomini di Italia Viva come in questa settimana”. E ancora: “La nostra colpa? Difendere le garanzie per i cittadini dalle inefficienze dello Stato. La nostra punizione? Fuori dal Governo, in nome della ‘tolleranza zero’, dopo una dura reprimenda sulla mancanza di educazione. Come se proporre contenuti e portare avanti le proprie idee fosse proibito. Che poi è come proibire la politica in nome della buona educazione”.

Quanto alla settimana appena trascorsa, “sono ormai abituato alle fake news ma tante così – tutte insieme – non le avevo sentite nemmeno ai tempi d’oro. Una parte del Governo e della maggioranza ha lavorato per tutta la settimana per buttarci fuori e fare a meno dei nostri voti, perché noi sulla prescrizione non ci siamo accodati alla incomprensibile svolta giustizialista del Pd”.

Poi l’annuncio: “Visto che non riusciamo a farlo sui tanti media che assumono per verità assoluta la linea di Palazzo Chigi, lo faremo dove ci hanno invitato: sarò a Porta a Porta, mercoledì 19 febbraio alle 23.30. Non perdete Porta a Porta mercoledì sera, diremo le cose come stanno sul serio”.

Maurizio Gasparri ha replicato a Renzi: “Basta con questa farsa di Conte, Renzi e tutti gli altri. È inaudito che questo personaggio stia a sciare in Pakistan mentre l’Italia vede la chiusura di aziende e un governo che ci ha fatto precipitare all’ultimo posto della graduatoria europea. Conte è un incapace ma Renzi è un irresponsabile. Minaccia la crisi un partito che non si è neanche presentato alle elezioni ma che ha ottenuto comunque posti di governo e di potere”.

Il senatore di Forza Italia ha poi aggiunto: “E’ un’autentica vergogna alla quale il Quirinale non può assistere impotente. Voto subito per porre fine a questa ignobile sceneggiata. Il cinismo dei vari gruppi e gruppetti della sinistra è perfino più grave dell’ignoranza dei grillini che hanno causato danni giganteschi al nostro Paese. Siamo di fronte a un’autentica emergenza democratica. Via il governo e subito urne aperte. Renzi può anche rimanere a sciare in Pakistan e quando tornerà ci spieghi anche come concilia alcune attività internazionali con la sua funzione politica. Ormai anche questa è una questione da chiarire”.

(fonte ADNKRONOS – ANSA)