Renzi: “Le tasse non si abbassano solo tagliando spesa”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Settembre 2015 7:55 | Ultimo aggiornamento: 12 Settembre 2015 13:15
Matteo Renzi (foto Ansa)

Matteo Renzi (foto Ansa)

ROMA – “Lo dico senza problemi e lo dico in base ai numeri: l’ Italia ha svoltato. Punto”. In un’intervista a tutto campo in apertura di prima pagina con il Foglio, Matteo Renzi invita ad andare avanti su questa strada, perché “l’economia sta ripartendo e i consumi crescono”. Qualcosa sta cambiando, si lavora per restituire tranquillità e fiducia.

Dire che le tasse si abbassano solo tagliando la spesa “è una sciocchezza“, non sarà la strada dell’ Italia. Così Matteo Renzi, che al Foglio assicura: “non sforeremo il 3 per cento, ma ci serviremo di quella flessibilità prevista dal fiscal compact”, e “quell’un per cento di pil in più potrà essere destinato metà a riforme e metà a investimenti”.

Le tensioni sono fisiologiche, la maggioranza c’è e ci sarà e alla fine arriverà il risultato che molti hanno tentato di raggiungere senza successo. “Tutto il resto è contorno”. Il premier Renzi è sicuro con il Foglio che sulla riforma del Senato “non ci sarà bisogno di nessuna forzatura”. E definisce “mediazione possibile” la proposta Boschi-Finocchiaro.

Il premier torna sull’abolizione della tassazione sulla prima casa, convinto che in questo modo ci saranno due effetti immediati. Da una parte uno stimolo per l’edilizia (“la prima grande sfida del 2016 sarà far crescere l’occupazione anche in questo settore, puntando su qualità, sostenibilità, attenzione ad ambiente e vivibilità”). Il secondo, dice, dopo che la tassa è stata tolta e rimessa e fino al punto di riproporla “con un altro nome”, creare “un clima di fiducia di fronte allo stato: e sono certo che anche qui i numeri ci premieranno”.