Riforme, ok dal governo. Quagliariello: “Iter completo a ottobre 2014”

Pubblicato il 6 Giugno 2013 15:11 | Ultimo aggiornamento: 6 Giugno 2013 15:11
Gaetano Quagliariello (foto LaPresse)

Gaetano Quagliariello (foto LaPresse)

ROMA – Un anno e mezzo al massimo, poi l’iter per le riforme costituzionale sarà completo. Il ministro Gaetano Quagliariello annuncia l’intesa sul disegno di legge per la riforme costituzionali e scandisce i tempi: ”Il Comitato dei 40 lavorerà – spiega il Ministro – fino alla fine di febbraio. E’ ipotizzabile che la prima lettura di una delle due Camere avvenga entro fine maggio 2014, la prima lettura dell’altra Camera per gli inizio di settembre e quindi per l’ottobre 2014 si possa prevedere l’approvazione definitiva della riforma”.

Abbiamo ulteriormente rafforzato l’articolo 138 della Carta – ha detto ancora il ministro – i referendum potranno essere richiesti anche se l’approvazione della riforma supererà i due terzi”. Inoltre, specifica il ministro, la composizione della commissione dei 40 che istruirà le riforme costituzionali sarà proporzionale in modo da rappresentare anche le minoranze parlamentari.

Quello di cui  i 40 non si occuperanno è  il conflitto di interessi perché, spiega Quagliariello, “questo va oltre il contento delle mozioni parlamentari”.

Quindi Quagliariello precisa che “Il lavoro degli esperti” sarà “completamente gratuito”. “Sono previste solo le spese di viaggio e nemmeno di soggiorno, ecco perché organizzeremo i lavori tenendo conto di questo sforzo. Deve cessare qualsiasi leggenda metropolitana su questo