Roberto Fico vuole querelare Le Iene per il servizio sulla colf

di redazione Blitz
Pubblicato il 3 maggio 2018 12:27 | Ultimo aggiornamento: 3 maggio 2018 12:27
Roberto Fico vuole querelare Le Iene per il servizio sulla colf

Roberto Fico vuole querelare Le Iene per il servizio sulla colf

NAPOLI – Non ci sta Roberto Fico a passare per datore di lavoro in nero. Per questo il Presidente della Camera sta valutando l’ipotesi di querelare la trasmissione Le Iene, dopo il servizio che lo accusa di avere assunto una colf in nero a casa della sua compagna Yvonne a Napoli.

A darne notizia è il suo avvocato, Annalisa Stile, che in una nota diffusa mercoledì sera fa sapere: “Stiamo valutando di sporgere querela per diffamazione nei confronti della trasmissione Le Iene che insinua il dubbio (per loro certezza, per come è stato montato il pezzo e per i commenti che accompagnano il servizio) che il presidente Roberto Fico abbia assunto a nero una colf/baby sitter nella casa napoletana della signora Yvonne. Stesse considerazioni valgono per tutti i quotidiani che hanno indicato il presidente Fico quale datore di lavoro della signora Imma”.

App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui

Ladyblitz – Apps on Google Play

L’avvocato Stile aggiunge: “Ho ricevuto incarico dal presidente Fico, di tutelarlo penalmente a seguito alla messa in onda del servizio della trasmissione dal titolo “Una colf in nero per il presidente Roberto Fico?” e dopo la lettura degli articoli di stampa”.

Il servizio sulla presunta colf in servizio a casa di Yvonne è andato in onda domenica sera ed è stato realizzato dall’inviato Antonino Monteleone. Ma l’avvocato Stile ribadisce a chiare lettere: “Il presidente Fico non è, né è mai stato, datore di lavoro della signora Imma. Fico abita a Roma, nella cui casa ha una colf assunta con regolare contratto, risiede a Napoli, ma a casa propria Posillipo, e non nella casa della signora Yvonne”.

“Il presidente Fico mi ha investita di questo incarico per non alimentare ulteriori pretestuose polemiche e strumentalizzazioni politiche”, conclude.