Roberto Maroni: “Profughi? Premio i Comuni che li rifiutano”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 Giugno 2015 20:35 | Ultimo aggiornamento: 9 Giugno 2015 20:35
Roberto Maroni: "Profughi? Premio i Comuni che li rifiutano"

Roberto Maroni: “Profughi? Premio i Comuni che li rifiutano”

MILANO – “Faccio come Renzi: premierò i Comuni che rifiutano di prendere clandestini. Così vediamo se qualcuno ha qualcosa da dire”. Così il presidente della Lombardia, Roberto Maroni, ha detto su Radio 1 dopo che aveva ipotizzato di ridurre i trasferimenti ai Comuni che li accolgono.

La Lega si scaglia contro i prefetti e Forza Italia chiede di fermare “l’invasione” di migranti “anche militarmente”: continua la polemica politica sugli sbarchi e non si fermano gli arrivi di migranti in Italia, mentre a livello europeo slitta la redistribuzione dei rifugiati.  Roberto Maroni, martedì, ha scritto ai prefetti per chiedere di “sospendere le assegnazioni nei Comuni” fino a quando ci sarà una ripartizione più equa in tutte le Regioni.

E non ha fatto retromarcia dalla sua proposta di ridurre i trasferimenti a chi accetterà nuovi arrivi, nonostante le polemiche che ha scatenato (“misure ritorsive” le ha definite il sindaco di Torino, Piero Fassino, che è presidente dell’Associazione dei Comuni). Anzi, una modifica Maroni l’ha proposta. Invece di ridurre i trasferimenti a chi li accoglie ha annunciato che darà incentivi a chi li rifiuta. “Faccio come Renzi – ha detto commentando la controproposta del presidente del Consiglio di premiare chi ospiterà i migranti – così vediamo se qualcuno ha qualcosa da dire”. Per ora il suo appello ai prefetti, però, è rimasto inascoltato: in tutto il giorno gli arriva da Sicilia e Calabria sono stati continui.

5 x 1000

Centinaia di arrivi in Veneto che, secondo il governatore Luca Zaia, sono “la rappresaglia di Renzi e Alfano” contro la Regione, 150 rifugiati lunedì e 200 martedì a Genova e anche nel centro di smistamento di Bresso, nel milanese, sono giunti circa 200 rifugiati che poi dovranno essere distribuiti nei vari Comuni.