Rocco Casalino a DiMartedì: “Ma sono così intoccabili questi burocrati?” VIDEO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 settembre 2018 16:02 | Ultimo aggiornamento: 27 settembre 2018 16:02
Rocco Casalino a DiMartedì: "Ma sono così intoccabili questi burocrati?" VIDEO

Rocco Casalino a DiMartedì: “Ma sono così intoccabili questi burocrati?” VIDEO

ROMA – L’intervista di Andrea Scazzola a Rocco Casalino, portavoce del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, dopo il caso dell’audio sui tecnici del Ministro dell’Economia. “O fanno come diciamo o li cacciamo”, dice Casalino in quell’audio. Intervistato da Scazzola per DiMartedì su La7 Casalino spiega che quella conversazione è avvnuta con giornalisti che conosce da 5 anni e con i quali ci sono quei toni in quanto c’è confidenza. 

E così mentre M5s vuole abolire l’Ordine dei giornalisti “che non serve a niente”, parla il portavoce del premier e non arretra; “Tutta questa bufera. Ma sono così intoccabili i burocrati? Non devono dormire la notte e guardare ogni singola voce di bilancio per trovare quelle risorse che servono ai più deboli”. “A cosa serve l’ordine dei giornalisti se non sanziona la diffusione delle notizie false e i comportamenti antietici di giornalisti mossi solo da interessi di partito e non dal desiderio di informare i cittadini? A niente. Quindi aboliamolo” attacca il M5s sul suo blog da dove avverte: “Il provvedimento è già sul tavolo del governo“.

Pronta la replica del sindacato dei giornalisti che denuncia come “ritorsione” l’annuncio. “Stiano tranquilli, i neoprofeti del pensiero unico a 5 Stelle. Non saranno i provvedimenti di natura ritorsiva annunciati contro un’intera categoria di professionisti e neppure le liste di proscrizione ai danni di colleghi che vogliono continuare a fare il loro lavoro a cancellare la libertà di stampa in Italia” affermano Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della Federazione nazionale della Stampa. Quanto all’Ordine dei giornalisti, ironizzano i vertici della Fnsi, “se non serve a niente perché Luigi Di Maio continua a esservi iscritto? Per avere un tesserino da esibire? Piuttosto, spiace dover constare che i propositi di regolare i conflitti di interessi, impedire l’occupazione della Rai e contrastare le ‘querele bavaglio’ e il lavoro precario siano stati rinviati a data da destinarsi”.

Il video con l’intervista di Andrea Scazzola a Rocco Casalino.